Coronavirus e app Immuni, Ministro Pisano: “Più utenti la scaricheranno, più saremo protetti”

"Attualmente per Immuni ci sono stati due milioni e mezzo di download ed è partita in questi giorni una campagna informativa"

L’app Immuni, “è attiva su tutto il territorio nazionale e da oggi entra in raccordo con i sistemi sanitari delle 20 regioni e non solo delle quattro nelle quali era già in funzione“: lo ha dichiarato il Ministro per l’Innovazione Paola Pisano in un’intervista a La Stampa, sottolineando che “attualmente per Immuni ci sono stati due milioni e mezzo di download ed è partita in questi giorni una campagna informativa che ne aiuterà la diffusione. Non abbiamo fissato una soglia per decretarne il successo o l’insuccesso. Più utenti la scaricheranno e più saremo protetti. I suggerimenti delle Regioni hanno contribuito a migliorarla. E abbiamo fatto riunioni politiche e tecniche per capire come integrare l’app con la loro gestione dell’emergenza. Immuni è più veloce dei sistemi di ‘tracciamento manuale’ usati fino a oggi. Li integrerà“. “Potenziare la ricerca è un interesse strategico del Paese. È un obiettivo da perseguire sostenendo progetti di qualità. Su questo pubblico e privato devono convergere, facendo in modo che ai nostri ricercatori venga riconosciuto il valore. Non è un favore a qualcuno. È una necessità dell’Italia“.