Coronavirus, il premier svedese si difende: “La nostra strategia è quella corretta”

Coronavirus: "La nostra strategia è quella corretta", ha affermato il primo ministro svedese Stefan Lofven

MeteoWeb

Il primo ministro svedese Stefan Lofven ha difeso le sue scelte in merito alle misure di contenimento del contagio di Coronavirus: “La nostra strategia è quella corretta“, ha affermato Lofven in parlamento, in un dibattito dove è stato attaccato dall’opposizione per la scelta di non imporre misure più stringenti.
E’ ovvio” che vi sono stati “errori fondamentali” ha dichiarato Ulf Krtersson, leader del partito dei Moderati, mentre la leader dei Cristiano Democratici, Ebba Bush, ha accusato il governo di aver “deliberatamente” permesso la diffusione del Coronavirus.
Alcuni partiti hanno chiesto le dimissioni di Anders Tegnell, l’epidemiologo responsabile delle strategie di lotta all’epidemia: lo scienziato ha riconosciuto recentemente in un’intervista che, se potesse tornare indietro, sceglierebbe una strategia diversa “a metà strada fra quanto fatto in Svezia e quanto scelto dal resto del mondo“.
In parlamento Lofven ha sottolineato di non vedere motivo per cambiare i protocolli attuali, limitandosi a riconoscere che vi “sono stati troppi morti nelle residenze per anziani” e che bisogna fare più tamponi.