Giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità: la “barriera” dell’oasi di Liwa vista dallo Spazio [FOTO]

L'oasi di Liwa è stata fotografata dal primo satellite della seconda generazione di Cosmo-SkyMed, in occasione della Giornata contro la desertificazione

MeteoWeb

L’oasi di Liwa, negli Emirati Arabi Uniti, è stata fotografata dal primo satellite della seconda generazione di Cosmo-SkyMed, in occasione della Giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità.

Il satellite, realizzato dalle aziende di Leonardo, ha acquisito l’immagine grazie al suo occhio radar (Sar-Radar ad apertura sintetica): nell’area sono presenti piccole aziende agricole che, grazie ad un’agricoltura sostenibile basata sull’irrigazione a goccia e alle serre, rappresentano una “barriera” contro l’avanzare delle dune di sabbia del Rub’ al Khali, rappresentando una sorta di “muro” contro la desertificazione.

COSMO-SkyMed è il primo sistema di osservazione satellitare della Terra concepito per scopi duali, cioè civili e militari. I suoi quattro satelliti sono quattro ‘occhi’ in grado di scrutare la Terra dallo spazio metro per metro, di giorno e di notte, con ogni condizione meteo. Per aiutare a prevedere frane e alluvioni, a coordinare i soccorsi in caso di terremoti o incendi, a controllare dall’alto le aree di crisi. Sviluppato dall’Agenzia Spaziale Italiana in cooperazione con il Ministero della Difesa, COSMO-SkyMed si basa su una costellazione di quattro satelliti identici, dotati di radar ad apertura sintetica (SAR) che lavorano in banda X (in grado, quindi, di vedere attraverso le nuvole e in assenza di luce solare). Il sistema è in grado di effettuare fino a 450 riprese al giorno della superficie terrestre, pari a 1.800 immagini radar, ogni 24 ore.