Allerta Meteo, FOCUS sul forte maltempo che sta flagellando il Nord: la linea temporalesca si muove verso Est [LIVE]

Allerta massima sulle aree centro orientali, Emilia Romagna, Veneto, Venezia Giulia, per nubifragi, grandinate, allagamenti e rischio anche trombe d'aria. Tutti i dettagli sul maltempo fino alle ore serali

MeteoWeb

Allerta Meteo – È in atto un maltempo intenso su molti settori del Nord. Il cavo instabile cui sono associati imponenti fronti perturbati, sta transitando sul Nord Italia, disseminando rovesci e temporali spesso forti e violenti su molte aree. Particolarmente colpita nella seconda nottata e prima mattinata la Lombardia, specie i settori centro-settentrionali, con  nubifragi diffusi e quantitativi davvero importanti spesso ci 40/50 ma fino a 80/90 mm o anche oltre, sino a ora. Inevitabili, naturalmente, i danni e disagi conseguenti, per allagamenti e anche per forti  grandinate. Come previsto da questa redazione, un forte nubifragio si è abbattuto anche su Milano dove è esondato il Seveso provocando estesi allagamenti e ingenti disagi. 

Ma il maltempo è solo a metà dell’opera. Ancora nel corso della mattinata, molti rovesci e temporali forti continueranno a interessare l’alto Piemonte, ancora l’alta Lombardia  e i settori centro settentrionali e orientali della Lombardia, ma  fenomeni via via più intensi andranno estendendosi all’Emilia, localmente alla Liguria e soprattutto verso la Romagna, il Veneto. Nelle ore pomeridiane, cui si riferisce l’immagine fenomeni allegata, rovesci e temporali spesso anche qui forti, si dirigeranno anche più a Sud, verso le Marche, l’Umbria, e,  ma qui fenomeni più  localizzati, verso l’Abruzzo, il Molise e fino alle aree interne pugliesi e lucane orientali. 

In giornata, possibili fenomeni forti sull’Emilia-Romagna, localmente anche sull’Appennino tra alta Toscana ed Emilia, ma  attenzione, massima allerta tra la Romagna, il Centro Sud Veneto e la Venezia Giulia, area Rodigino, Polesine, Padovano, poi Veneziano e tutta la Venezia Giulia, fino a Trieste e anche in Slovenia, Croazia. Su questi settori, sono in buona parte già in atto fenomeni forti, ma lo saranno in maniera più estesa nel corso delle prossime ore, poi in quelle pomeridiane con rischio di allagamenti grandinate di grandi dimensioni e trombe d’aria. Attenzione perché sono attesi quantitativi di pioggia in unità di tempo ridotta davvero notevoli nell’ordine di 40/60/80 mm localmente 100 o persino 150 mm su qualche settore particolare dove i bassi strati sono particolarmente carichi di energia. Massima allerta su queste aree e si raccomanda come al solito di non mettersi in viaggio con macchine, di non uscire a piedi, evitare sottopassaggi, evitare di stazionare negli scantinati ed evitare di transitare o stazionare nei pressi di corsi d’acqua.

Maltempo diffuso e insistente naturalmente su tutti i settori centro-orientali del Nord, e ribadiamo temporali forti anche verso le Marche e l’Umbria, soprattutto sull’area Foligno centro-meridionale, sui confini sudorientali con le Marche.  Nelle aree circoscritte in colorazione più chiara sul resto del Centro-Sud Appennino e  del medio-basso Adriatico, sono attesi fenomeni temporaleschi a carattere irregolare, questi essenzialmente di tipo convettivo, cioè determinati dalla calura nei bassi strati e da piccole infiltrazioni fresche in quota, magari più a carattere localizzato, ma ugualmente insidiosi con possibili grandinate e nubifragi, sebbene più circoscritti. Qualche temporale, localmente forte  anche sulla Sardegna orientale, magari più intensi sull’Est Cagliaritano, e ancora fenomeni irregolari al Nordovest, magari ancora localmente forti sul Ponente Ligure e sulle Alpi Marittime. Sul resto del paese,  ossia su gran parte dei settori costieri anche pianeggianti, fino fino alle soglie appenniniche, del medio-basso Tirreno, sulla Campania, sulla Calabria, sulle coste adriatiche centro meridionali, su quelle ioniche, sulla Sicilia e sul resto della Sardegna, tempo più asciutto e ampiamente soleggiato. Temperature in apprezzabile calo al Nord e sul medio-alto Adriatico, più o meno stazionarie altrove e molto calde al Sud, fino a +35/+36°C, ma localmente punte anche di +37/+38°C in Sicilia, Calabria, sul Foggiano e sul Cagliaritano, in Sardegna.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine del nowcasting: