Alluvione Palermo, dopo due giorni arriva l’esercito: città ancora sommersa dal fango. E’ ufficiale: non ci sono stati morti [FOTO e VIDEO]

Mentre Palermo tira un sospiro di sollievo per la confermata assenza di vittime, arriva l'Esercito in soccorso della città devastata dall'alluvione dei giorni scorsi

/
MeteoWeb

La città di Palermo può tirare un sospiro di sollievo: la devastante alluvione di mercoledì scorso non ha provocato vittime. Lo conferma all’Adnkronos il Prefetto di Palermo Giuseppe Forlani, che ha seguito dal primo momento da vicino le operazioni di soccorso dei Vigili del fuoco e delle forze dell’ordine. Le operazioni di dragaggio delle idrovore sono ancora in corso. Ma alle 6 del mattino l’altezza dell’acqua era di 40 cm e non c’erano più auto allagate. “Le operazioni di prosciugamento erano finalizzate a verificare la testimonianza di un cittadino che ha raccontato di avere visto delle persone nel sottopasso allagato – dice il Prefetto – le operazioni sono state avviate subito e via via che si procedeva si alimentava la speranza che non ci fossero decessi. Però la conferma si poteva avere solo alla fine”. “Stamattina alle 6 il comandante provinciale dei Vigili del fuoco Carrolo mi ha informato che ha completato il prosciugamento e dunque adesso si può escludere che ci siano state vittime, dal momento che non sono stati rinvenuti corpi senza vita, per fortuna”.

Con questa notizia positiva, arriva anche l‘Esercito nel capoluogo siciliano stravolto dall’alluvione. Dalle prime ore di questa mattina, infatti, aliquote di militari del 4° reggimento Genio della Brigata “Aosta” sono tempestivamente intervenute su richiesta del Prefetto di Palermo per ripristinare la viabilità in una delle principali arterie stradali della città, dopo lo straordinario evento climatico che ha colpito il capoluogo siciliano mercoledì scorso (vedi foto della gallery scorrevole e video in fondo all’articolo), riporta un comunicato stampa dell’Esercito.

Squadre specializzate dell’Esercito sono all’opera con mezzi movimento terra presso i cavalcavia di via Lazio e via Michelangelo, che tagliano ortogonalmente via Regione Siciliana, sotto i quali si sono formati allagamenti che hanno coinvolto centinaia di automezzi rimasti completamente sommersi dalle abbondanti precipitazioni meteoriche.

I mezzi dell’Esercito (3 minipale, 1 terna ruotata e 4 Iveco SMH per il caricamento inerti) dovranno rimuovere migliaia di metri cubi di fango che si sono depositati all’interno dei tunnel stradali e le tonnellate di materiali trascinati dalla furia dell’acqua sull’intero letto stradale.

Il ritorno alla normalità è previsto dalle autorità comunali entro il fine settimana.

L’Esercito Italiano è stato impiegato più volte, negli ultimi anni, in attività di soccorso alle popolazioni colpite da eventi naturali. Il concorso fornito, dal sisma in Abruzzo alle emergenze maltempo in tutta Italia, dall’esondazione di corsi d’acqua in Toscana alle frane causate dal dissesto idrogeologico in Calabria e Sicilia, si è rivelato determinante sia nelle fasi iniziali sia nel successivo processo di normalizzazione e assistenza. Questi risultati sono stati conseguiti grazie alle risorse umane e alle capacità di intervento della Forza Armata, ma anche sulla base dei piani esistenti e delle intese con la Protezione Civile e con le altre strutture operative per la gestione delle emergenze. Queste predisposizioni sono state oggetto, negli anni, di un naturale processo evolutivo, che si è sviluppato nel tempo sulla base delle esperienze maturate e dell’evolversi degli organismi, militari e non, interessati a questa specifica funzione.

Vigili del Fuoco “Ultimate operazioni, non sono stati rinvenuti corpi”

Le squadre dei Vigili del Fuoco di Palermo impegnate nel sottopasso di Viale Leonardo da Vinci a seguito dell’emergenza idrogeologica di mercoledì “stanno ultimato le operazioni di soccorso con lo svuotamento del sottopasso dalle acque di pioggia. In esito alle operazioni di svuotamento si rende noto che non è stato rinvenuto nessun corpo, né ulteriori vetture coinvolte“, si legge in una nota. L’attività del Comando Vigili del fuoco “prosegue comunque per fronteggiare richieste di verifiche di stabilità di edifici o parti di essi coinvolti nell’eccezionale ondata di pioggia“. Sono inoltre in corso numerosi interventi per intonaci pericolanti e prosciugamenti. Per fronteggiare l’emergenza sono già stati effettuati complessivamente “oltre 150 interventi di soccorso tecnico urgente con il raddoppio dei turni di servizio del personale operativo del Comando e con il contributo di Sezioni Operative VV.F. in allestimento alluvionale, provenienti dai altri Comandi della regione (Messina, Enna, Trapani e Caltanissetta)”.

Alluvione Palermo, interviene l’Esercito per liberare la città dal fango [VIDEO]

Alluvione Palermo, intervento dell’Esercito per ripristinare la viabilità [VIDEO]

Intervento dell’Esercito per ripulire Palermo dopo l’alluvione [VIDEO]