Alluvione Palermo, città in ginocchio: fiume di melma e fango nel day-after, è stato un evento meteorologico da record [DATI e FOTO]

Alluvione Palermo, ieri sono caduti 135mm di pioggia nella periferia Nord/Ovest della città dove s'è verificato il disastro: non aveva mai piovuto in modo così forte nella storia secolare della città

  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
  • Palermo
    Palermo
/

E’ tornato a splendere il sole a Palermo e la temperatura odierna è risalita fino a +28°C nelle ore diurne, ma le immagini che arrivano dal capoluogo della Sicilia nel giorno successivo alla terribile alluvione che ieri ha devastato la 5ª città d’Italia sono drammatiche. Un fiume di melma e fango sul Viale della Regione Siciliana ancora allagato, testimoniato molto bene dalle fotografie che Vito @ilsiciliano_ su instagram ha documentato egregiamente (vedi fotogallery nelle immagini scorrevoli in alto). Fortunatamente non ci sono morti ne’ dispersi: la notizia delle due vittime di ieri è stata smentita. Resta la devastazione di una città letteralmente in ginocchio, con danni gravissimi.

Intanto nel day-after dilagano le polemiche, che hanno coinvolto anche leader di partiti politici nazionali: Matteo Salvini ha scritto su facebook che “A furia di pensare solo agli immigrati, il sindaco Orlando dimentica i cittadini di Palermo: basta un temporale e la città finisce sott’acqua“. I suoi avversari gli contestano la speculazione su una tragedia, ma in realtà non è questo l’errore del leader della Lega: se davvero a Palermo fosse accaduto questo disastro per un semplice temporale, o una normale pioggia, tutti dovremmo indignarci rispetto agli amministratori (del presente e del passato) che non consentono a una città così importante di sopportare in modo efficiente dei fenomeni meteorologici consueti. E in quel caso Salvini avrebbe ragione. Sarebbe inaccettabile vedere queste scene per una pioggia normale.

Ma ieri a Palermo è successo qualcosa che va al di fuori di ogni immaginazione: la devastazione che vediamo nelle immagini a corredo dell’articolo sarebbe stata la stessa, o forse anche peggiore, in tutte le città italiane ed europee che si fossero trovate a fronteggiare un evento meteorologico analogo. A Palermo, infatti, sono caduti in poco più di un’ora ben 80mm di pioggia nel centro cittadino e oltre 130mm nella zona più colpita, la periferia Nord/Occidentale della città, dove s’è verificato l’allagamento dei sottopassi.

Questi i dati pluviometrici del pomeriggio di ieri:

  • Palermo Uditore 134mm
  • Palermo Passo di Rigano 125mm
  • Palermo Favorita 109mm
  • Palermo Teatro Massimo 80mm
  • Palermo Osservatorio Astronomico 79mm
  • Palermo Arenella 42mm

La storica stazione meteorologica dell’Osservatorio Astronomico di Palermo, attiva sin dal 1797 quindi ben 223 anni fa, non aveva mai registrato un evento meteorologico così violento: il precedente record era di 120mm caduti il 10 ottobre 1857. Per quanto riguarda invece il mese di Luglio, il precedente record giornaliero era di appena 39mm e risaliva al lontanissimo 1935.

Quello di ieri a Palermo è stato un evento assolutamente fuori dal normale, al punto che nessun tessuto urbano al mondo sarebbe stato in grado di assorbirlo smaltendo tutta quell’acqua senza disagi e allagamenti. Inoltre non era previsto: alcun modello indicava il rischio della formazione di un temporale autorigenerante di questa entità sul capoluogo siciliano, pur essendoci un’allerta meteo per tutta l’isola annunciata con ampio anticipo. Non si trattava però di un avviso tale da lasciar immaginare simili apporti pluviometrici, e quindi così gravi per le ripercussioni sui territori e in modo particolare su una città densamente abitata come Palermo.

Soltanto con il nowcasting, quindi il monitoraggio in tempo reale, si è capito – ma soltanto intorno alle 16 – che il temporale nato sui monti a ridosso della città poteva diventare pericoloso: in quel caso l’unica soluzione da adottare sarebbe stata la chiusura di tutti i sottopassi a rischio allagamenti. E sarebbe bastato per evitare il disastro. Questo episodio ci insegna quanto sia importante dotare il nostro territorio e soprattutto le principali città di strumentazioni meteorologiche ad alta definizione, con le apposite infrastrutture (i radar meteo) che consentono di poter monitorare in tempo reale il comportamento delle piogge, e stazioni meteorologiche che forniscano dati in tempo reale molto diffuse in ogni quartiere, ma anche con uffici appositi che segnalino immediatamente l’allarme a sindaci e prefetti in modo da adottare misure urgenti di prevenzione sul territorio. E’ l’unica soluzione – fermo restando la necessità di progettare le città nel modo meno selvaggio possibile – per evitare di subire in modo così pesanti gli effetti di fenomeni meteorologici così estremi. Perchè quello di ieri a Palermo non è stato un semplice temporale. E’ stata la pioggia più forte della storia della città, che avrebbe sconquassato qualsiasi centro urbano del mondo.

Alluvione Palermo: prosegue la ricerca di eventuali dispersi [VIDEO]

Alluvione a Palermo: le persone nuotano nelle strade allagate [VIDEO]

Alluvione a Palermo: le immagini del nubifragio [VIDEO]

Alluvione a Palermo, strade come fiumi: gente a nuoto per mettersi in salvo [VIDEO]

Alluvione a Palermo, auto ribaltate e trascinate via dall’acqua [VIDEO]

Alluvione Palermo, strade allagate [VIDEO]

Maltempo, Palermo allagata: “a nuoto” nelle strade della città [VIDEO]

Maltempo Sicilia, temporale e allagamenti a Palermo [VIDEO]