Incidente Alex Zanardi: a breve il trasferimento in un centro di riabilitazione come per Schumacher

La famiglia di Alex Zanardi sta valutando quale può essere la struttura più adatta per il decorso post-operatorio

MeteoWeb

Per Alex Zanardi a breve si apriranno le porte di un centro di riabilitazione. A un mese dall’incidente e a pochi giorni dall’avvio della progressiva riduzione della sedazione farmacologica e il lento risveglio dal coma, la famiglia dell’ex pilota di Formula 1 sta valutando quale può essere la struttura più adatta per il decorso post-operatorio. Quando le condizioni di Zanardi lo permetteranno, informa l’AdnKronos, sarà disposto il trasferimento in un centro specializzato per la riabilitazione: tra le ipotesi anche quelle di un ‘viaggio’ all’estero, in una clinica come quella in cui è stato curato Michael Schumacher.

Intanto il campione paralimpico è ancora ricoverato nel reparto di terapia intensiva del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, dove si trova dallo scorso 19 giugno, in seguito all’incidente avvenuto intorno alle 16.50 dello stesso giorno sulla statale provinciale 146 che collega Pienza e San Quirico d’Orcia, nel Senese, quando andò a sbattere violentemente con la sua handbike contro un tir che marciava in direzione opposta. Nessuna decisione è stata presa ancora sui tempi del trasferimento. Tutto dipenderà dalle condizioni in cui Alex uscirà dalla sedazione. Saranno necessari ancora alcuni giorni per le ulteriori valutazioni sul paziente da parte dall’équipe multidisciplinare che ha in cura l’atleta “per permettere ogni prosecuzione del suo percorso terapeutico e riabilitativo“. I parametri cardio-respiratori e metabolici continuano a permanere stabili mentre resta “grave il quadro neurologico.