Legambiente, laghi lombardi troppo inquinati: su 30 punti monitorati, 15 oltre i limiti di legge

I laghi lombardi sono troppo inquinati: lo denuncia la quindicesima edizione della Goletta dei Laghi di Legambiente

MeteoWeb

I laghi lombardi sono troppo inquinati: lo denuncia la quindicesima edizione della Goletta dei Laghi di Legambiente, secondo la quale su 30 punti monitorati lungo le coste dei laghi Iseo, Lario, Maggiore, Lugano e Garda sono 15 quelli oltre i limiti di legge. Nell’ultima tappa, quella sul lago di Garda, su 5 punti campionati, 2 risultano fortemente inquinati: a Salo’ presso la localita’ Le Rive e a Padenghe nei pressi del Porto.

I parametri indagati sono quelli microbiologici (Enterococchi intestinali, Escherichia coli) e vengono considerati come “inquinati” i campioni in cui almeno uno dei due parametri supera il valore limite previsto dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia e “fortemente inquinati” quelli in cui i limiti vengono superati per piu’ del doppio del valore normativo. “L’edizione di quest’anno conferma l’urgenza delle misure richieste da Legambiente – dichiara la presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto – scarichi abusivi, ritardi nella depurazione, inquinamento da plastiche e microplastiche mettono sempre piu’ sotto pressione i nostri laghi. Alcuni punti critici sono gli stessi che denunciamo da anni e rappresentano ormai dei veri e propri “malati cronici” su cui pero’, purtroppo, si continua a non prendere provvedimenti o ad agire con troppa lentezza”.