Malessere, debolezza e nausea da stress: sintomi, cause e cure naturali per sconfiggere l’ansia

Quando si parla di stress, associato ad ansia, in genere si sottovalutano le conseguenze di questa condizione: i campanelli d'allarme sono nausea, malessere e debolezza

MeteoWeb

Il termine stress è una di quelle parole così tanto abusate, soprattutto in associazione ai ritmi moderni, da aver quasi perso il suo significato legittimo e intrinseco. Quando si parla di stress, associato ad ansia, in genere si sottovalutano le conseguenze di questa condizione, che altro non è se non una difesa del nostro organismo da una situazione di pericolo.

Cos’è lo stress?

Secondo gli esperti di Humanitas lo stress è una reazione fisiologica del nostro organismo, non per forza negativa. Capita spesso infatti, che lo stress diventi la spinta a reagire a determinate situazioni, uno stimolo a fare meglio, una carica in più grazie alla quale riusciamo a difenderci dai pericoli. Si tratta, in sostanza, di un meccanismo fisiologico identico per tutti gli individui, ma da soggetto a soggetto cambiano i modi di reagire alla situazione stressante.

Se essere sotto stress ha effetti positivi su alcuni, e in determinati momenti, su altri e in particolari frangenti ha effetto opposto. Uno stress intenso, duraturo o non gestito però può avere conseguenze sulla salute con sintomi comuni ma fastidiosi, come mal di testa, fastidi allo stomaco, aumento della pressione sanguigna, dolore al petto e disturbi del sonno. Secondo diversi studi poi, lo stress può peggiorare sintomi o patologie già presenti.

Quali sono i sintomi dello stress?

stress fertilitàLo stress, quando è costante e dunque patologico, può influire su diversi aspetti della vita di un individuo, dalla salute, al comportamento, alle emozioni. I sintomi variano da persona a persona e da caso a caso.

Da un punto di vista emotivo, lo stress può manifestarsi con:

  • Agitazione, frustrazione e cambiamenti d’umore repentini
  • La sensazione di sentirsi sopraffatti, come se si stesse perdendo controllo o se ne avvertisse un bisogno maggiore
  • Difficoltà a rilassarsi
  • Scarsa autostima, solitudine, depressione, preoccupazione costante
  • Tendenza a evitare la relazione con altre persone

mal di panciaI sintomi fisici più comuni sono:

  • Mancanza di energia
  • Disturbi allo stomaco come diarrea, nausea, costipazione
  • Mal di testa
  • Dolori e tensioni muscolari
  • Dolore al petto e battito accelerato
  • Insonnia
  • Raffreddori frequenti
  • Calo del desiderio sessuale
  • Nervosismo
  • Agitazione
  • Ronzio alle orecchie
  • Mani e piedi freddi
  • Aumento della sudorazione
  • Bocca secca e difficoltà a deglutire
  • Digrignamento dei denti

Quali sono le cause dello stress?

stress lavoroLo stress può essere causato da differenti fattori il cui significato “negativo” varia da persona a persona. È però possibile individuare alcuni fattori che frequentemente generano stress:

  • ritmi di vita e lavoro intensi
  • traumi infantili
  • decessi di persone care
  • separazioni e divorzi
  • gravidanza e parto
  • situazioni di pericolo
  • problemi di natura finanziaria
  • problemi di salute personali o delle persone vicine.

Cure naturali per stress e ansia

Oltre alle terapie farmacologiche, lo stress e l’ansia possono essere tenuti a bada con diversi rimedi naturali, grazia alla fitoterapia. Come si legge su cure-naturali.it, le piante utilizzate contro lo stress sono in grado di produrre un generale miglioramento delle condizioni psicofisiche; svolgono un’azione equilibrante sul sistema immunitario, endocrino, nervoso e su quello cardio-circolatorio, favorendo la capacità di resistenza alla sforzo e quella di recupero dell’organismo. Ecco quali sono quelle più efficaci:

  • Passiflora: (Passiflora incarnata) le foglie sono particolarmente indicate in virtù degli effetti calmanti e antispasmodici, in caso di ansia, tensione nervosa, irritabilità e in tutti i disturbi della sfera nervosa legati allo stress.
  • Rodiola: (Rhodiola rosea), la radica è estremamente efficace per combattere la stanchezza, e l’affaticamento, migliora la qualità del sonno, e ha effetto cardioprotettivo, utile in stati di stress, con tachicardia, palpitazioni, ansia e nervosismo;
  • Maca delle Ande: (Lepidium meyenii), la sua radice è di valido aiuto, per combattere i disturbi legati allo stress, come il calo della libido e l’astenia sessuale in entrambi i sessi. Queste proprietà rivitalizzanti e afrodisiache sono dovute alla presenza di componenti ad azione stimolante sulle ghiandole endocrine, soprattutto quelle surrenali, le ovaie e i testicoli;
  • Griffonia: (Griffonia simplicifolia) i semi hanno proprietà antidepressiva, in quanto innalza i livelli di serotonina e regolarizza il ciclo sonno-veglia (ritmo circadiano) migliorando la qualità del sonno. L’uso della pianta si è rivelato utile anche per il controllo della fame nervosa, legata a stati d’ansia e stress;
  • Iperico: (Hypericum perforatum) agisce come riequilibrante del tono dell’umore, limitando il riassorbimento di due ormoni (noradrenalina e dopamina) che intervengono a sostegno dell’organismo nei periodi di maggiore stress o esaurimento nervoso;
  • Gemmoderivato dei Semi di Betulla (Betula verrucosa) agisce sul sistema nervoso centrale, riequilibrandolo nei periodi stress da lavoro e stress emotivi; astenia e sintomi collaterali, cefalea, aritmia cardiocircolatoria, spasmi gastrointestinali.
  • Alcuni funghi medicinali utili per la stanchezza, come Reishi e Cordyceps, che aiutano l’organismo e la psiche a ritrovare il benessere, migliorando la qualità del sonno, l’energia, il tono dell’umore.

vitamina B12Cosa mangiare in caso di stress? E’ fondamentale eliminare i cibi confezionati, quelli ricchi di zuccheri e dolcificanti e bevande zuccherate. L’alimentazione dovrà essere naturale e alcalinizzante, ricca di cereali integrali, legumi, pesce di piccola taglia, semi oleosi, olio extravergine di oliva, verdura e frutta di stagione di produzione biologica, in modo da fornire all’organismo tutti i nutrienti, le vitamine e i sali minerali che gli sono necessari per recuperare le energie. E’ fondamentale integrare l’alimentazione con il magnesio e le vitamine del gruppo B, oltre a vitamine e minerali, anche sostanze naturali toniche ed adattogene come l’alga spirulina, il ginseng, l’eleuterococco, la pappa reale, il polline, la rodiola. Altro elemento fondamentale è quello di mantenere costante il livello di glicemia nel sangue.