Previsioni Meteo Agosto: riscatto dell’estate o ancora instabilità? Ecco la prima tendenza

Previsioni Meteo: giungono dal centro di calcolo europeo primi dati sulla possibile tendenza di massima del tempo in Agosto. L'anticiclone potrebbe osare di più. Ecco i dettagli

Previsioni Meteo Agosto – L’andamento stagionale estivo, sino a ora, sta rispettando abbastanza le aspettative, nel senso che la stagione sta evolvendo, in questa prima parte, senza particolari eccessi termici, o perlomeno non insistenti, e con frequenti rotture anticicloniche, a opera di incursioni di nuclei instabili nordatlantici. Questo andamento era stato ampiamente ipotizzato da queste pagine e una delle cause che aveva fatto presupporre, nelle analisi di maggio,  una partenza in sordina e più movimentata dell’estate, l’avevamo colta nel cosiddetto Final Warming Late. Nella sostanza il vortice polare invernale si era mostrato particolarmente pimpante fino all’esordio di maggio e il successivo tardivo rilassamento avrebbe certamente comportato dei fastidi ricorrenti sull’avanzata del fronte stabilizzante subtropicale. Nei fatti è andata proprio così, con ricorrenti cavi depressionari nordatlantici incidenti fino alle medie e basse latitudini europee, mediterranee comprese, molte fasi temporalesche, alcune anche con maltempo violento su qualche settore, benchè non siano mancate fasi calde e più asciutte, ma con poca o ridotta continuità.

Dai dati in nostro possesso tutto luglio potrebbe proseguire su questa falsariga, ossia con alcune giornate di bel tempo e più calde, tuttavia mai eccezionalmente calde, alternate ad altre più fresche e con scorribande di nuclei instabili nordoccidentali responsabili di ricorrente attività temporalesca. In questa sede, però, vogliamo volgere uno sguardo anche al mese di Agosto, sulla base di primi dati mensili elaborati dal modello europeo ECMWF. Stando alle prime indicazioni, naturalmente molto aleatorie per via della distanza temporale e che comunque rettificheremo via via nel corso dei prossimi giorni, potrebbe prospettarsi un certo assetto più estivo nella circolazione generale. Potrebbe attenuarsi  il “tripolo negativo” atlantico, quindi potrebbero attenuarsi leggermente i contrasti termici ancora a ora vigenti, in riferimento alle acque superficiali in pieno Oceano e, di pari passo, il fronte subpolare potrebbe accorciare il suo raggio d’azione consentendo un po’ più di “campo” a quello subtropicale, che potrebbe salire in latitudine. Insomma ipotesi di maggiore stabilità anche verso il Mediterraneo centrale e più caldo, questo in via generale. Dall’analisi geo-potenziali, tuttavia, rinveniamo, come visibile anche dall’immagine barica media attesa per agosto, una leggera “defaillance” sul comparto mediterraneo centro meridionale. Sarebbe verosimile, in base a questo dato, che la stabilità più ricorrente potrebbe essere portata da cunei anticiclonici azzorriani e non tanto da promontori nordafricani o con minimi contributi di questi, con bel tempo e caldo, ma ancora senza eccessi, o comunque limitati nel tempo, e ogni tanto con delle infiltrazioni fresche orientali che potrebbero portare dei fastidi sulle aree meridionali, specie estreme e insulari. Il dato saliente, da queste primi indicazioni, sarebbe per un agosto più stabile e caldo in linea generale e con qualche fastidio in più al Sud. Monitoreremo costantemente l’evoluzione apportando periodici aggiornamenti sulla possibile evoluzione di massime del tempo per il mese delle ferie estive per eccellenza.