Previsioni Meteo Agosto, gli ultimi aggiornamenti: aumenta il rischio di nuove ondate di maltempo

Previsioni Meteo: si fa più complicata l'evoluzione per il mese di Agosto. Una persistente bassa pressione baltico-scandinava potrebbe riuscire ad affondare, con cavi d'onda secondari, fino al Mediterraneo e continuare a pregiudicare l'estate su diverse regioni

MeteoWeb

Previsioni Meteo Agosto – Estate Molto dinamica, quella in corso, e soprattutto caratterizzata da delicati equilibri termici oceanici e tra le medie e alte latitudini. Un’estate che paga, lo abbiamo già rilevato in diverse altre occasioni, una disfatta molto tardiva del Vortice Polare invernale, praticamente bene attivo ancona tra fine ad aprile e inizio maggio, sicché tutto il riassetto circolatorio verso connotati tipici del semestre caldo, ne sta risentendo. Le medie e soprattutto alte latitudini europee sono ancora ben permeate da un fronte subpolare pimpante e abbastanza vigoroso al punto da agevolare in continuazione aree depressionarie semipermanenti talora sui settori settentrionali oceanici e, in questa fase e ancora prossimamente, forse anche per molti giorni a seguire, in prossimità del Baltico e del settore scandinavo.  Circolazioni depressionarie anche piuttosto estese che, complice un vigore umido atlantico alle medie e alte latitudini, anche esso giammai sopito per un tripolo termico negativo persistente, sta inibendo in maniera considerevole il fronte caldo sub-tropicale, il quale fa fatica a piantare radici in area mediterranea. Insomma, gli ultimi prospetti modellistici, e in in particolare del modello europeo ECMWF, disegnerebbero scenari estivi ancora compromessi per agosto, in particolare per la prima parte del mese. Quest’ultima proiezione si pone più disfattista in termini estivi, quindi un po’ in controtendenza rispetto a quanto il modello stesso aveva ipotizzato fino a pochi giorni fa, con ipotesi di anticiclone più audace con l’avvento del nuovo mese. In realtà, tra fine luglio e inizio agosto, potrebbe esserci effettivamente una nuova, temporanea fase più anticiclonica e più stabile, soprattutto per le aree centro-meridionali e pianeggianti del paese, ma ancora una volta, appena a seguire, il flusso nordeuropeo potrebbe tornare a insidiare la circolazione sull’Italia e sul Mediterraneo centrale.

In particolare, dal 3/4 agosto e probabilmente fino a metà mese, la barica di massima che traspare dalla maggior parte delle simulazioni si configurerebbe quella più o meno indicata nell’immagine in evidenza: ancora una volta, l’alta pressione potrebbe porre i suoi massimi sull’Europa occidentale e mostrarsi più flebile in corrispondenza dei meridiani centrali europei e dell’Italia; dal Baltico e dal settore scandinavo, ne approfitterebbe frequentemente un’area di bassa pressione latente, veicolando nuclei di aria instabile e più fresca lungo il bordo orientale anticiclonico, fino almeno ai settori settentrionali del bacino. Secondo le dinamiche attuali, gli affondi instabili potrebbero, in una prima fase, nel corso della prima decade, limitarsi alle aree settentrionali, specie centro orientali o, al più, del medio e alto Adriatico; successivamente, verso metà mese, magari potrebbero sconfinare diffusamente anche verso buona parte del Centro e localmente al Sud. Il quadro pluviometrico di massima, computerebbe la possibilità nuovamente di piogge più ricorrenti soprattutto al Nord e, appunto, sul medio e alto Adriatico. Sul resto dell’Italia, il tempo mediamente potrebbe essere migliore, perlomeno fino al 10 agosto, a seguire anche qui potrebbero arrivare fastidi instabili. I dati più rilevanti sarebbero due: 1 – le piogge o i temporali più ricorrenti al Centro Nord, anche forti in alcuni casi, soprattutto sulle aree settentrionali centro orientali, dalla Lombardia, Emilia Romagna verso il Nordest tutto; 2 – una probabile maggiore siccità sulle aree più meridionali. 

Maggiori e più dettagliati aggiornamenti, nelle nostre quotidiane rubriche sul lungo termine.