Previsioni Meteo, forte maltempo tra venerdì 24 e sabato 25: allarme per violenti temporali

Previsioni Meteo: brusco cavo d'onda instabile nordatlantico verso il Centro Nord Mediterraneo, con alta pressione in arretramento e forte fase temporalesca dopo metà settimana. Ecco le aree più colpite

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Settimana, quella appena iniziata, caratterizzata da due novità importanti sotto l’aspetto meteorologico: 1- dapprima una frase calda  abbastanza significativa, in particolare al centro-sud, ma per  due o tre giorni anche sulle pianure settentrionali,  per l’espansione di un promontorio anticiclonico a cuore caldo proveniente dal nord Africa; 2- poi, tra venerdì e sabato, l’entrata vigorosa, soprattutto sulle regioni centro settentrionali, di un fronte perturbato atlantico il quale comporterà un autentico scompiglio nella  circolazione atmosferica, con forte maltempo. In questa sede ci occuperemo delle aree maggiormente interessate da questo impulso perturbato, analizzando quando e dove con maggiore intensità potrebbero arrivare i fenomeni temporaleschi.

Sotto il profilo barico assisteremo, già dalla giornata di giovedì 23, a un progressivo cedimento della pressione sulle regioni alpine e prealpine con entrata, su questi settori, di correnti più instabili di matrice oceanica associate a rovesci e temporali diffusi. Ma il peggioramento più consistente, con cavo d’onda decisamente più incisivo e penetrante sino al Mediterraneo settentrionale, come dimostra la barica in evidenza elaborata dal modello europeo ECMWF, interverrà tra venerdì e sabato prossimi.  Un fronte temporalesco associato al cavo depressionario, attraverserà tutto il Nord Italia, portando una fenomenologia diffusa, ma spesso forte e a carattere di nubifragio. Su molte regioni, con rischio grandinate e anche locali dissesti. 

Secondo i dati attuali,  i fenomeni più forti, rappresentati nella cartina interna precipitazioni, riguarderanno soprattutto le aree centro-orientali del Nord, dalla Lombardia centro orientale, all’Emilia Romagna, poi al Veneto e al Friuli Venezia Giulia. Su questi settori, potranno esserci fenomeni localmente violenti e in forma di nubifragio, associati anche a  grandinate e col rischio di trombe d’aria. Via via, soprattutto nella notte su sabato e poi nel corso di sabato, nubi con rovesci e locali temporali, ma in forma più irregolare e moderati, andranno interessando anche le regioni centrali, soprattutto tra la Toscana centro meridionale, i settori appenninici centrali e,  in forma sparsa e irregolare, verso Sud Appennino e il medio basso Adriatico. 

Il tempo dovrebbe andare meglio sul medio-basso Tirreno, sull’estremo Sud peninsulare, localmente sulla Toscana centrale e sulle due Isole maggiori, ma è ancora presto per un responso definitivo circa le aree più o meno interessate da fenomeni, relativamente ai settori centro meridionali. Circa il coinvolgimento perturbato del Nord, le probabilità sono senz’altro maggiori con nuova rottura drastica di una fase estiva piuttosto breve che potrebbero intercorrere nei primi tre o quattro giorni di questa settimana.

Maggiori dettagli sul peggioramento del tempo da venerdì, nei nostri quotidiani aggiornamenti.