Svolta nel caso Viviana Parisi, rinvenuti resti umani martoriati: è il tronco di un bambino, “è Gioele al 99%” [DETTAGLI]

Il procuratore di Patti ha appena raggiunto la zona in cui si svolgono le ricerche del piccolo Gioele: trovati resti umani

  • Viviana Parisi con il marito, Daniele Mondello
    Viviana Parisi con il marito, Daniele Mondello
  • Viviana Parisi con il marito, Daniele Mondello
    Viviana Parisi con il marito, Daniele Mondello
/
MeteoWeb

Il procuratore di Patti (Messina) Angelo Vittorio Cavallo ha appena raggiunto la zona in cui si svolgono le ricerche del piccolo Gioele.
A quanto apprende l’Adnkronos, è arrivata una segnalazione ritenuta “importante“. Con il magistrato anche la polizia scientifica e gli uomini dei vigili del fuoco del Nucleo Sapr.
I soccorritori hanno concentrato le operazioni in un fossato.
Il pm, accompagnato da vigili del fuoco, agenti della Scientifica e volontari di Protezione Civile, ha fatto un primo sopralluogo dall’alto. La polizia presidia e impedisce il passaggio nella zona che è stata temporaneamente circoscritta.

Il luogo si trova a circa 200 metri dall’autostrada Messina-Palermo dove la mamma il figlioletto sono stati visti per l’ultima da un testimone, dopo un lieve incidente.

viviana parisi gioeleHanno trovato qualcosa ma non sappiamo cosa. Siamo qui in attesa di capire“: lo ha dichiarato Mariella Mondello, la zia del piccolo Gioele che si trova nella zona in cui è arrivato il procuratore di Patti, Angelo Vittorio Cavallo con la polizia scientifica.

Sono momenti di ansia per i familiari del piccolo Gioele: c’è chi parla di un ritrovamento di “alcuni resti” ma nessuno si sbilancia.

Secondo le prime informazioni sul posto sono stati trovati alcuni resti ossei e tracce di indumenti, sembrerebbe una magliettina, compatibili con quelli indossati dal piccolo Gioele, che adesso verranno mostrati ai familiari del bimbo. Per raggiungere il luogo del ritrovamento è stata necessaria una opera di pulitura e discerbamento del luogo, coperto da una fitta vegetazione e da numerosi arbusti.

Le tracce individuate vicino all’autostrada sarebbero di Gioele: per gli uomini che coordinano le ricerche del bambino i resti ossei e la maglietta portano a lui “al 99%“. In ogni caso bisognerà attendere il riconoscimento ufficiale.
Le tracce sono state segnalate da uno dei volontari: è un carabiniere in congedo.
I resti umani sarebbero del “tronco di un bambino”. Il piccolo sarebbe “totalmente irriconoscibile“.
L’ipotesi che non escludono gli investigatori è che il corpicino martoriato possa essere stato trascinato da animali, tanto che, ragionano, per determinare con certezza l’identità della piccola vittima “serve l’esame del dna”.
Sul posto anche il medico legale.

Ieri Daniele Mondello ha lanciato un appello sui social: “Invito tutti quelli che si vogliono unire alle ricerche di mio figlio Gioele a presentarsi mercoledì 19 agosto presso il centro di coordinamento sulla ss113 al distributore di benzina IP di Caronia. Saremo lì intorno alle 7.30. Si raccomanda di indossare abbigliamento adeguato, pantaloni lunghi e maglie con le maniche lunghe. Vi ringrazio anticipatamente“.
Numerose le persone – circa 300 – che hanno riposto all’appello e si sono presentate per aiutare nelle ricerche.
I vigli del fuoco e la protezione civile hanno avvertito i volontari: “Se trovate qualcosa non dovete toccare niente. Avvertite subito qualcuno ma senza toccare nulla“.