Coronavirus, sindaco di Nembro: “Ho paura che le persone non abbiano più paura”

"La positività agli anticorpi a Nembro è praticamente del 50%, quindi teoricamente abbiamo una quota significativa della popolazione che dovrebbe aver sviluppato dei meccanismo di difesa"

MeteoWeb

“Paura di una seconda ondata di covid? La preoccupazione principale è che le persone non siano preoccupate“. E’ quanto dichiarato a LaPresse da Claudio Cancelli, sindaco di Nembro, uno dei paesi più colpiti della provincia di Bergamo dal covid-19. “In Val Seriana forse siamo trai più protetti – ha ricordato il sindaco – . La positività agli anticorpi a Nembro è praticamente del 50%, quindi teoricamente abbiamo una quota significativa della popolazione che dovrebbe aver sviluppato dei meccanismo di difesa, anche se non sappiamo bene quanto durino”. Il rischio è che i cittadini abbassino la guardia. “Se le persone non sono preoccupate – ha spiegato il sindaco – tengono dei comportamenti non in line a con al prevenzione. A Nembro però la maggior parte dei cittadini stanno parecchio attenti, tutto quello che è passato ci ha fortemente segnato”.

Inevitabile, però, per il sindaco Cancelli che “quando si riapriranno le scuole ci siano nuovi casi positivi, perchè si creano delle condizioni di socialità più intense. Bisognerà stare tutti molto attenti e creare delle condizioni in tutte le scuole, a partire dai nidi, affinchè i bambini si mischino poco e quando compare un caso sia possibile identificare in maniera precisa tutti i suoi contatti”. Proprio oggi a Nembro, Alzano Lombardo e Codogno, nel Lodigiano, sono stati consegnati primi bachi singoli voluti dal commissario straordianrio Domenico Arcuri.