Maltempo, alluvione a Verona: “Città in ginocchio, tragedia paragonabile all’alluvione del 2010, alla tempesta Vaia e al tornado del Brenta”

Zaia: "Qui non ce la caviamo con poco. Verona è messa in ginocchio così come molte altre zone del Veneto. I danni sono ingenti"

MeteoWeb

Io dico che qui non ce la caviamo con poco. Verona è messa in ginocchio così come molte altre zone del Veneto. I danni sono ingenti, non tutta la città è stata colpita ma le zone interessate sono devastate, sono in ginocchio. E’ una tragedia paragonabile anche, se su diversa scala, al disastro dell’alluvione del 2010, alla tempesta Vaia, alla tromba d’aria della Riviera del Brenta“: lo ha affermato, in conferenza stampa, il governatore del Veneto, Luca Zaia. “I veronesi hanno dimostrato di prendere di petto questa situazione e si sono rimboccati le maniche e hanno cominciato subito a pulire. Ho visto gente in lacrime. Spero che il Governo dichiari lo stato di emergenza e faccia un provvedimento urgente in Consiglio dei Ministri“. “Le telefonate sono gradite e sono un grande segnale di vicinanza. Il presidente Mattarella non manca mai di farsi sentire quando ci sono guai in Veneto e lo ringrazio per la sua vicinanza. Ieri sera mi hanno chiamato la presidente del Senato Casellati, vari colleghi di Regione, il ministro Annunziata e altri ancora“. “Il nostro ringraziamento particolare va ai volontari. La Regione ha attivato la Protezione Civile e sono arrivate squadre dalla provincia di Rovigo, dalla provincia di Vicenza e Padova. Penso che questa sia ancora una volta la dimostrazione di un popolo che ha una civiltà estrema“. “Il temporale è stato straordinario. Noi possiamo intervenire solo dando le allerte meteo, come è stato fatto, dopodiché capire dove arriva la bomba d’acqua è impossibile. Abbiamo i contesti urbani che hanno più difficoltà a far defluire i flussi piovosi. Qui c’è stata prima la grandine, ci sono ancora i cumuli di grandine dopo ore, e poi una pioggia fuori dal normale“.