Il supermicroscopio più potente del mondo si rinnova

La nuova sorgente che ha reso il supermicroscopio europeo il più potente del mondo si chiama Esrf-Extremely Brilliant Source

MeteoWeb

Una rivoluzione scientifica è la promessa del supermicroscopio europeo Esrf (European Synchrotron Radiation Facility) di Grenoble (Francia), grazie alla nuova sorgente di raggi X più brillante mai ottenuta.
Ideata da un fisico italiano, la nuova sorgente che ha reso il supermicroscopio europeo il più potente del mondo si chiama Esrf-Extremely Brilliant Source: ora è in grado di generare fasci di raggi X 100 volte più luminosi rispetto a quelli che finora era possibile ottenere.
Per raggiungere queste prestazioni, nell’Esrf è stato installato il reticolo Hybrid Multi-Bend Achromat (Hmba), basato su oltre 1.000 magneti, quasi il doppio rispetto a quelli presenti in precedenza nell’anello di Esrf, della circonferenza di 844 metri.
Per procedere alle modifiche, l’Esrf è stato spento per 20 mesi, dal 10 dicembre 2018: sono stati necessari 3 mesi per rimuovere le precedenti apparecchiature dall’anello e 9 mesi per installare le nuove.
Il 28 novembre 2019 è stato iniettato il primo fascio di elettroni ed entro il 14 marzo 2020 erano stati raggiunti i parametri di funzionamento richiesti, proprio pochi giorni prima della chiusura per la pandemia.