Terremoto Centro Italia, INGV: 118mila eventi sismici dal 24 Agosto 2016, “il rilascio energetico è tuttora in corso”

Terremoto in Centro Italia: a partire dal 24 Agosto del 2016, la Rete Sismica Nazionale ha registrato e permesso di localizzare oltre 118mila eventi sismici

MeteoWeb

A quattro anni dall’inizio della sequenza sismica del Centro Italia, l’INGV ha pubblicato sul blog INGVterremoti un approfondimento “su alcuni aspetti che sono stati e sono tuttora oggetto di ricerche approfondite da parte di molti ricercatori dell’Istituto e di moltissimi altri centri e università italiane e internazionali. Sono moltissimi i temi di ricerca che sono stati avviati a partire dal 2016; tra questi ricordiamo le analisi per identificare le caratteristiche delle diverse faglie attivate (con dati sismici/accelerometrici, geodetici e con i rilievi di terreno); gli studi della risposta sismica locale, anche a scopo di microzonazione sismica; le ricerche paleosismologiche, finalizzate a identificare la storia più antica delle diverse faglie; le analisi dei danneggiamenti e la risposta degli edifici, e molti altri“, spiegano Pasquale De Gori e Alessandro Amato con il contributo di Concetta Nostro Maurizio Pignone (INGV, Osservatorio Nazionale Terremoti).
Nelle ricorrenze a due anni e a tre anni dal sisma (2018 e 2019) avevamo pubblicato degli aggiornamenti sulle ricerche in corsoche nel frattempo si sono arricchite di nuovi elementi. Si deve tenere presente che la ricerca è un’impresa lunga e complessa, soprattutto in materie così difficili e con oggetti di studio di limitata accessibilità, come appunto le faglie crostali che hanno dato luogo ai terremoti della sequenza.”

Facendo il punto sulla sequenza sismica di Amatrice-Norcia a partire dall’agosto 2016, a distanza di 4 anni, spiegano gli esperti INGV, “registriamo ancora una sismicità di debole magnitudo, ma diffusa e abbastanza omogenea su tutta l’area interessata dall’accadimento degli eventi principali, a testimonianza che il rilascio energetico è tuttora in corso. 
A partire dal 24 Agosto del 2016, la Rete Sismica Nazionale ha registrato e permesso di localizzare oltre 118mila eventi sismici, di cui 1182 hanno avuto magnitudo compresa tra 3 e 3.9, 66 tra 4 e 4.9, mentre 9 eventi hanno avuto magnitudo compresa tra 5 e 5.9 e 2 hanno superato magnitudo 6
Nel 2019 gli eventi sono stati quasi 9000, con una media di circa 24 eventi al giorno. Di questi, 27 eventi hanno avuto magnitudo maggiore di 3 e uno solo evento ha avuto magnitudo pari a 4.0, avvenuto il giorno 1 settembre 2019 alle ore 02:02 italiane, con epicentro a 3 km da Norcia. Nel corso del 2020 abbiamo registrato finora circa 4500 terremoti, con una media di circa 20 eventi al giorno, 8 dei quali con magnitudo maggiore di 3, fino a un massimo di magnitudo 3.5.”