Terremoto a Roma, scossa scuote i Castelli Romani: paura nella Capitale [LIVE]

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita pochi minuti fa nel Lazio e in particolare nella zona dei Castelli Romani: tanta paura a Roma

/
MeteoWeb

Una scossa di terremoto si è verificata pochi minuti fa, alle 14:00, nel Lazio. Tanta paura a Roma: il sisma è stato particolarmente avvertito nella capitale, e in particolare nella zona dei Castelli Romani. Secondo i dati registrati dai sismografi INGV la magnitudo è di 3.0.

Nonostante la magnitudo non sia stata particolarmente elevata, il terremoto è stato distintamente avvertito da milioni di persone perché l’epicentro si trova in un’area ad altissima densità abitativa, proprio nell’hinterland della capitale.

L’esperto: sono tra i pochi terremoti avvenuti negli ultimi anni nella zona della caldera

I terremoti di questo pomeriggio nella zona dei Pratoni del Vivaro, ai Colli Albani (finora tre: M3, M2.4, M2.0) sono tra i pochi della zona avvenuti negli ultimi anni all’interno della caldera (Tuscolano-Artemisia). In realtà i tre epicentri sono molto vicini al bordo sudorientale, ma comunque dentro. I dati degli ultimi 10 anni (ho selezionato quelli avvenuti in un raggio di 25km da Rocca di Papa, che si considera il centro del vulcano laziale) mostrano che l’attività si concentra quasi esclusivamente all’esterno della caldera suddetta, con propaggini significative verso Nord (Tivoli, Guidonia) e fino a Roma. Fa eccezione una concentrazione di sismicità di bassa magnitudo nella zona dei laghi (Albano, Nemi) principalmente avvenuta nel 2012 e 2016, che è l’area dove sono avvenuti gli sciami più importanti negli ultimi decenni. (Eccezione relativa perché nel settore occidentale la caldera risulta slabbrata dalle esplosioni dell’attività vulcanica più recente, quella che ha dato origine ai laghi appunto)”, così sul proprio profilo Facebook Alessandro Amato, sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia  .

Terremoti, anche Roma è a rischio; intervista a Fabrizio Marra, esperto dell’Ingv: “attenzione alle valli alluvionali”