Accadde Oggi: “Miracle Mike”, ovvero l’incredibile storia del gallo che sopravvisse per 18 mesi senza testa [FOTO]

Il giorno in cui il pollo sarebbe dovuto finire in padella gli venne tagliata la testa ma lui non morì: campò altri 18 mesi e nacque la leggenda di Mike the Headless Chicken

/
MeteoWeb

Il 10 settembre 1945, all’agricoltore statunitense Lloyd Olsen di Fruita, in Colorado, venne chiesto dalla moglie di andare in cortile a prendere un pollo per la cena. Olsen ne scelse uno di razza Wyandotte, di cinque mesi e mezzo di nome Mike. Tagliò la testa al pollo con un’ascia, ma mancò la vena giugulare, lasciando intatti un orecchio e la maggior parte del tronco cerebrale. A causa del tentativo fallito di Olsen di decapitare Mike, il pollo era ancora in grado di stare in equilibrio e camminare, seppur goffamente. Tentò di pavoneggiarsi, di beccare il cibo e cantare, anche se con scarso successo; il suo “canto” consisteva in un gorgoglio prodotto nella sua gola. Vedendo che Mike non moriva, Olsen decise invece di prendersene cura. Lo alimentava con una miscela di latte e acqua tramite un contagocce e gli dava piccoli granelli di mais e vermi.

Il gallo senza testa, neanche a dirlo, diventò famoso. Mike iniziò una carriera in tournée in compagnia di persone che presentavano anomalie fisiche, come un bambino con due teste. È stato anche fotografato per dozzine di riviste e giornali, ed è apparso nelle note riviste Time e Life. Mike veniva mostrato al pubblico per un biglietto d’ingresso di 25 centesimi. Al culmine della sua popolarità, il proprietario del pollo guadagnava 4.500 dollari al mese (51.500 dollari di oggi) e Mike era valutato 10.000 dollari.

Nel marzo 1947, in un motel a Phoenix durante una sosta durante il viaggio di ritorno dal tour, Mike iniziò a soffocare nel cuore della notte. Si era messo in gola un chicco di mais. Gli Olsen avevano inavvertitamente lasciato le loro siringhe per l’alimentazione e la pulizia al baraccone il giorno prima, e quindi non sono stati in grado di salvare Mike. Diverse fonti dicono che la trachea mozzata del pollo non poteva assumere aria sufficiente per poter respirare, e quindi soffocò a morte nel motel. Olsen, invece, sostenne che Mike non morì quella notte e disse di averlo venduto.

Perché Mike non era morto nel giorno della sua decapitazione? È stato determinato che l’ascia aveva mancato la vena giugulare e un coagulo aveva impedito a Mike di morire dissanguato. Sebbene la maggior parte della sua testa fosse stata recisa, la maggior parte del suo tronco cerebrale e un orecchio erano rimasti sul suo corpo. Poiché le funzioni di base (respirazione, frequenza cardiaca, ecc.) e la maggior parte delle azioni riflesse di un pollo sono controllate dal tronco cerebrale, Mike è stato in grado di rimanere abbastanza sano.

Mike the Headless Chicken è ora un’istituzione a Fruita, Colorado, e viene celebrato con un “Mike the Headless Chicken Day“, il terzo fine settimana di maggio, a partire dal 1999. Gli eventi organizzati includono la “5K Run Like a Headless Chicken Race“, lancio delle uova , “Pin the Head on the Chicken“, “Chicken Cluck-Off” e “Chicken Bingo“. Mike the Headless Chicken è stato un’ispirazione per la comedy punk band The Radioactive Chicken Heads, che è servito come soggetto della loro canzone del 2008 “Headless Mike“, per la quale è stato girato un video musicale. La band presenta anche un pupazzo di Mike senza testa che viene spesso utilizzato nei loro spettacoli dal vivo. (SFOGLIA LA FOTOGALLERY SCORREVOLE IN ALTO A CORREDO DELL’ARTICOLO).