Coronavirus, azienda cinese SinoVac: “Il nostro vaccino pronto entro inizio 2021, il nostro obiettivo è fornirlo al mondo”

Il vaccino della SinoVac dovrebbe essere pronto "entro l'inizio del 2021 per la distribuzione in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti"

MeteoWeb

Yin Weidong, Ceo di SinoVac, ha riferito che il candidato vaccino contro il Coronavirus che la società sta sviluppando, dovrebbe essere pronto “entro l’inizio del 2021 per la distribuzione in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti”. Il Ceo ha promesso di presentare domanda alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per vendere CoronaVac negli Stati Uniti se supererà il suo terzo e ultimo ciclo di test sugli esseri umani. “All’inizio, la nostra strategia era progettata per la Cina e per Wuhan. Subito dopo, a giugno e luglio, ne abbiamo adottata una nuova” e “il nostro obiettivo è fornire il vaccino al mondo, inclusi gli Stati Uniti, l’Ue e altri”, ha detto Yin. Le rigide normative negli Stati Uniti, nell’Unione europea, in Giappone e in Australia hanno storicamente bloccato la vendita di vaccini cinesi. Ma Yin ha detto che questo potrebbe cambiare: “Siamo fiduciosi che la nostra ricerca sui vaccini Covid-19 possa soddisfare gli standard degli Stati Uniti e dei paesi dell’Ue”, ha affermato Yin.

SinoVac sta sviluppando uno dei primi quattro vaccini candidati in Cina insieme a SinoPharm di proprietà statale, che ne ha due in fase di sviluppo, e all’azienda privata affiliata all’esercito CanSino. Più di 24.000 persone stanno attualmente partecipando a studi clinici del CoronaVac in Brasile, Turchia e Indonesia, con ulteriori studi programmati per il Bangladesh e forse il Cile, ha detto Yin. SinoVac ha scelto quei paesi perché tutti avevano gravi epidemie, grandi popolazioni e limitate capacità di ricerca e sviluppo. L’azienda prevede di poter produrre qualche centinaio di milioni di dosi di vaccino entro febbraio o marzo del prossimo anno. SinoVac sta anche iniziando a testare piccole dosi di CoronaVac sui bambini nei tre paesi a causa dell’alto tasso di infezione tra i giovani lì. Yin ha detto che la società darebbe la priorità alla distribuzione del vaccino ai paesi che sono coinvolti nei test clinici.