Patriarca ortodosso disse “Il Coronavirus è una punizione di Dio per i gay”: ora è positivo

A marzo disse che il virus è una "punizione di Dio per i matrimoni gay": ora è risultato positivo anche lui

MeteoWeb

Aveva fatto scalpore il caso del patriarca ortodosso Filaret, che accusò gli omosessuali di essere responsabili della pandemia di Coronavirus. Ora anche lui è risultato positivo al Covid-19. Sui social si è scatenato il putiferio e c’è chi parla di karma, ironicamente ma non troppo. A renderlo noto è stato un comunicato diffuso online dalla chiesa di Filaret. Il religioso, che ha 91 anni, è attualmente ricoverato e le sue condizioni sarebbero stabili. “Vi informiamo che sua Santità il patriarca Filaret di Kiev è risultato positivo al test per il Covid-19“, si legge nella nota, in cui si spiega che “il patriarca è ora ricoverato e le sue condizioni di salute sono giudicate soddisfacenti”.

A marzo disse che il virus è una “punizione di Dio per i matrimoni gay“. Lo dichiarò in un’intervista ad una televisione ucraina. Rincarò la dose dicente che era una punizione “per i peccati degli uomini“. Dichiarazioni che suscitarono polemiche e anche la reazione della portavoce di Amnesty International Ucraina: “Tali dichiarazioni sono molto dannose perché potrebbero portare a un aumento degli attacchi, dell’aggressione, della discriminazione e dell’accettazione della violenza”, aveva chiosato Maria Guryeva.