Previsioni Meteo, FOCUS sul raid-invernale del weekend: crollo di -10°C, temporali e neve a bassa quota [MAPPE]

Evoluzione poco equivoca dai modelli matematici, in particolare da quello europeo ECMWF: vortice freddo sub-polare verso l'Italia, fase invernale, con forte maltempo e rischio dissesti. I dettagli

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Si fa sempre più importante, nelle simulazioni modellistiche, il peggioramento del tempo, anzi l’ulteriore e più diffuso peggioramento nel weekend prossimo, poiché una fase di maltempo è già in atto da qualche giorno su diverse regioni italiane. Nella sostanza, al flusso perturbato atlantico, già attivo da alcuni giorni sull’Italia,  si sostituirebbe un tagliente cavo depressionario nordatlantico, proveniente dal Mare del Nord, verso i settori centrali del nostro bacino e recante con sè, soprattutto alle quote medio-alte atmosferiche, ma con buona penetrazione anche nei bassi strati, un consistente nocciolo di aria fredda.

Un ultimissimo aggiornamento, elaborato dal centro di calcolo europeo ECMWF, ma prospettato in qualche modo alla medesima stregua un po’ da tutti i centri di calcolo mondiali, computerebbe la formazione di un vortice depressionario alimentato da aria relativamente fredda sub-polare, in azione dapprima sul Nord Italia, per venerdì 25, poi sull’alto Tirreno, regioni centrali e in evoluzione, entro domenica 27, verso il medio Adriatico. Si tratterebbe di un’azione perturbata significativa, come andiamo ripetendo da giorni,  con rovesci e temporali forti ma spesso a carattere di nubifragio e rischio di dissesti anche gravi, per grandi quantità di piogge e accumuli di qualche centinaio di mm su alcuni settori, in particolare del medio-basso Tirreno. Per il fine settimana, ossia per sabato 26, ma soprattutto per domenica 27, il maltempo più intenso è confermato al Centro Sud, sul Nord Appennno, Emilia Romagna e fino localmente alle pianure lombarde sudorientali e al Nordest, tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Da sottolineare ancora una volta, i venti forti in prevalenza occidentali o meridionali e il crollo termico importante, anche di 10°C entro domenica sul Sud Italia, con rischio di nevicate anche localmente abbondanti sul Centro Nord Appennino, mediamente intorno ai 1300/1500 m, ma in alcune fasi in calo fino a 1000 metri, quindi fino a quote medio-basse o di alta collina sul Nord Appennino, soprattutto tra i rilievi emiliani e toscani. Ulteriori dettagli su tutto il maltempo nei prossimi giorni, nei nostri quotidiani aggiornamenti.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine del nowcasting: