Previsioni Meteo, ulteriori conferme sulla nuova ondata di maltempo di Domenica 6 e Lunedì 7 Settembre

Previsioni Meteo: quasi certamente colpito il Nord, con temporali anche forti localmente. Ancora incerta l'evoluzione successiva, ma si rinforza l'ipotesi di piogge, a seguire, anche sulle altre regioni. I dettagli

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Sempre più univoca, da parte di un po’ di tutti i centri di calcolo, la tendenza nel medio termine a un nuovo guasto del tempo con elevata possibilità, oramai, sulle regioni settentrionali.  La fase inquadrata per l’avvento di un nuovo squarcio depressionario nel campo anticiclonico sul centro-sud Europa,  continua a essere quella tra domenica 6 e soprattutto lunedì 7 ma con strascichi anche verso martedì 8 settembre. L’ affondo instabile sarebbe di tipo nordatlantico, attraverso un cavo depressionario trasversale che partirebbe, piuttosto tagliente, dal Baltico verso dapprima l’Europa centrale e poi in orientamento verso la Francia, Il Golfo del Leone e il Nordest della Spagna.  Il fulcro depressionario dell’azione instabile nella fase clou dell’affondo, si porrebbe in prossimità dei Pirenei e da quella posizione convoglierebbe aria umida e perturbata dal Mediterraneo occidentale, Baleari verso le nostre regioni settentrionali. Le correnti instabili provenienti dai settori sudoccidentali, si caricherebbero notevolmente di umidità sorvolando il Mare Mediterraneo più settentrionale, umidità che poi condenserebbe, stante anche una buona dose di vorticità positive in avvezione dalla Francia, sotto forma di temporali anche forti su gran parte del Nord. 

La traiettoria delle correnti portanti sarebbe favorevole per precipitazioni particolarmente abbondanti, in particolare per il corso di lunedì 7, sul Piemonte orientale, ma soprattutto sulla Lombardia, specie centro-meridionale, e poi verso gran parte del Nord Est, sul Trentino Alto Adige, area Dolomiti, su gran parte del Veneto, specie centro-settentrionale e del Friuli VG. Temporali importanti anche sulla Liguria centrale, soprattutto sul Genovese,  anche sull’Emilia occidentale, soprattutto sul Piacentino e, più sparsi, invece, sul Sudest della Lombardia,  sul Sud Veneto  e sul resto dell’Emilia Romagna. Molta incertezza ancora, sul coinvolgimento delle regioni centrali. Con buona probabilità, locali rovesci e temporali potrebbero sconfinare anche verso la Sardegna, la Toscana, l’Umbria, le Marche, ma qui in forma più irregolare, stando gli attuali aggiornamenti prevalenti. Tuttavia, nelle varie corse del modello europeo, si fanno più numerose, ma ancora minoritarie, le simulazioni per un possibile affondo del cavo instabile, più verso il Mediterraneo Occidentale, area Baleari, Sardegna, che non verso la Spagna. Se alla fine dovesse affermarsi questa tendenza,  altre diverse regioni italiane potrebbero essere coinvolte nel peggioramento instabile che, per di più, si mostrerebbe anche più duraturo.

La redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare costantemente l’evoluzione del tempo sul medio-lungo periodo apportando periodici aggiornamenti.