Polonia, continuano le proteste contro la nuova legge sull’aborto: attiviste in chiesa con cartelli e striscioni

Aborto legale solo in pochissimi casi in Polonia: gruppo di attiviste protesta nelle chiese di Varsavia

MeteoWeb

Continuano le proteste in Polonia dopo la nuova legge che vieta l’aborto anche in caso di malformazioni del feto. La popolazione polacca non ci sta e scende in piazza per manifestare contro la nuova legge.  Un gruppo di attiviste, nel quarto giorno di proteste, ha esposto striscioni e volantini nelle chiese, protestando anche all’interno di queste, durante le messe.

Preghiamo per il diritto di abortire“, si legge su un cartello tenuto in mano da una donna a pochi metri dall’altare durante una funzione religiosa.

Women’s Strike, organizzatrice delle proteste, denuncia che costringere le donne a partorire feti gravemente deformi comporterà sofferenza fisica e mentale non necessaria alle donne.Al momento però il governo polacco non sembra  cambiare idea e l’aborto sarà consentito solo i caso di gravidanza a seguito di incesto o stupro o se la donna va incontro a gravi rischi di salute o addirittura rischia la vita.