L’amatriciana e il terremoto: la CNN vede l’Italia come il ‘Paese delle macerie’, “per attirare i turisti gli è rimasta solo la pasta”

I musei e le chiese possono essere distrutti, ma migliaia di turisti vengono ancora ad Amatrice per mangiare il suo piatto di pasta più famoso

MeteoWeb

Qual è il miglior condimento per la pasta d’Italia? Questo è il tipo di domanda che può far scoppiare una rissa nella patria di spaghetti e tortellini“, esordisce così un articolo della CNN su un italianissimo argomento (anzi due): la pasta e il terremoto nel Centro Italia.

Sarà il ragù carnoso e cotto a fuoco lento – si chiede ancora la giornalista della CNN -, così famoso che mezzo globo l’ha imbastardito e lo ha chiamato “bolognese”? Il pesto ligure al basilico e pinoli? O che ne dici della carbonara, un pieno di carboidrati di pasta spalmata di salsa all’uovo e di formaggio con pezzi di pecorino? Forse è la ‘roba rossa’. Per molti, un ottimo piatto di pasta ha bisogno di pomodoro, e per quel tipo di persone l’amatriciana è la salsa di tutte le salse. Salsa di pomodoro densa e dolce condita da guanciale (un tipo di pancetta extra-saporita dalla guancia di maiale), riscaldata da un’abbondante manciata di pepe o peperoncino, e con il pecorino che gli conferisce consistenza, è uno dei classici. Ma anche se i suoi fan in tutto il mondo pensano all’amatriciana come la loro coperta di comfort, la storia recente del piatto è stata tragica.

Si pensa che sia stato inventato nella città di Amatrice – si racconta ancora nell’articolo statunitense -, nel Lazio, la regione dell’Italia centrale che ospita anche Roma. Mentre Roma si trova sulla costa mediterranea, tuttavia, Amatrice si trova a 90 miglia a nord-est, più vicino all’Adriatico che al Mediterraneo, in un bacino delle montagne dell’Appennino.
Confina con il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che si estende su 150.000 ettari e tre regioni dell’Italia centro-meridionale. Il parco è una delle aree protette più grandi d’Europa, nota per le sue aquile reali, gli orsi bruni e il ghiacciaio più meridionale d’Europa. Ma la zona intorno al parco è stata al centro dei terremoti in Italia negli ultimi anni.

Amatrice
Chiesa di S. Emidio. Crollo della chiesa e grave danneggiamento del campanile

Nel 2009, un terremoto nei pressi della città dell’Aquila, un’ora a sud di Amatrice, ha ucciso 308 persone e reso circa 65.000 senza tetto. La città è ancora in fase di ricostruzione. E nell’ottobre 2016 Norcia, un’ora a nord-ovest di Amatrice, è stata colpita da un terremoto di magnitudo 6,6, le cui scosse si sono fatte sentire in tutto il Paese, da Roma a Venezia, a 260 miglia di distanza. Anch’essa deve ancora essere completamente ricostruita.

Il turno di Amatrice è arrivato il 24 agosto 2016, alle 3:36 del mattino. Un terremoto di 6 gradi della scala Richter ha distrutto in 142 secondi quasi l’intera città, così come i vicini insediamenti di Arquata del Tronto, Pescara del Tronto e l’epicentro, Accumoli. Sono morte 299 persone, con altre quattro vittime che morirono in seguito. La maggior parte dei morti era ad Amatrice. “Amatrice non esiste più“, ha detto in mattinata ai giornalisti il ??sindaco di allora, Sergio Pirozzi.
Quasi 400 persone sono rimaste ferite e 41.000 hanno perso la casa. Quattro anni dopo, la maggior parte vive ancora in alloggi temporanei.

Oggi poco è cambiato, conclude la giornalista americana. Il centro della città – o ciò che ne resta – è una zona controllata dall’esercito, con divieto di transito ai pedoni. Percorrendo quella che un tempo era la graziosa via principale, Corso Umberto I, rimangono solo pochi edifici, sorretti da impalcature: un paio di campanili, lo scafo a volta di una chiesa.
Oltre il centro storico ci sono altri edifici, sorretti da impalcature; altri che sembrano essere sopravvissuti o ricostruiti; e capanne temporanee dove vivono e fanno acquisti i restanti abitanti della città. Una statua dell’artista e architetto del XVI secolo Cola dell’Amatrice è stata restaurata e si trova ai margini della zona del disastro, accanto a un cartello che vieta i selfie.

Circondato dal verde delle montagne vi è uno spazio che ha riunito i restanti ristoranti del paese. E l’amatriciana è al primo posto. I musei e le chiese possono essere distrutti, ma migliaia di turisti vengono ancora ad Amatrice per mangiare il suo piatto di pasta più famoso. E anche in un capannone glorificato, è ancora uno dei pasti più memorabili che puoi trovare in Italia.