Aperta la tomba di Carlo Acutis, il corpo è davvero incorrotto o c’è altro dietro? E chi era il giovane che presto sarà beatificato? [FOTO]

Il vescovo di Assisi racconta la verità sul corpo di Carlo Acutis: sul web e tra i fedeli si grida al miracolo, ma l'invito è quello di essere cauti

/
MeteoWeb

Carlo Acutis sembra dormire pacificamente, nonostante sia morto da 14 anni. Oggi avrebbe 29 anni il ragazzo milanese deceduto a soli 15 anni a causa di una leucemia fulminante e dichiarato Venerabile da papa Francesco nel 2018. La sua tomba è stata aperta ieri, 1 ottobre, per celebrare l’inizio degli eventi in vista della sua beatificazione che avverrà nella Basilica di San Francesco il prossimo 10 ottobre. La sua salma resterà visibile ai fedeli sino al 17 ottobre. Il corpo del giovane sembra incredibilmente intatto, incorrotto e sembra non aver patito i segni del tempo. Ha un volto sereno. La madre, Antonia Salzano, vede tutto questo come un segno e si augura che “attraverso l’esposizione del corpo di Carlo i fedeli possano elevare con più fervore e fede le preghiere a Dio, che attraverso Carlo ci invita tutti ad avere più fede, speranza e amore verso di lui e verso i nostri fratelli, proprio come Carlo ha fatto nella sua vita terrena“. Sui social è ovviamente scoppiato il caso, ma sebbene il giovane sia sulla strada della beatificazione, gli stessi esponenti ecclesiastici invitano alla calma. Come ha spiegato il vescovo di Assisi, Monsignor Domenico Sorrentino, infatti, il corpo del giovane è stato “trattato” ai fini della venerazione, come in simili casi di beati e santi. (Guarda le immagini del corpo di Carlo nella gallery scorrevole in alto a corredo dell’articolo).

Come precisa il vescovo, dunque, non risponde a verità che il corpo del prossimo beato sia stato trovato incorrotto. “All’atto dell’esumazione nel cimitero di Assisi, avvenuta il 23 gennaio 2019 in vista della traslazione al Santuario, – spiega monsignor Sorrentino – esso fu trovato nel normale stato di trasformazione proprio della condizione cadaverica. Non essendo tuttavia molti gli anni della sepoltura, il corpo, pur trasformato, ma con le varie parti ancora nella loro connessione anatomica, è stato trattato con quelle tecniche di conservazione e di integrazione solitamente praticate per esporre con dignità alla venerazione dei fedeli i corpi dei beati e dei santi. Un’operazione che è stata svolta con arte e amore. Particolarmente riuscita la ricostruzione del volto con maschera in silicone. Con specifico trattamento è stato possibile recuperare la reliquia preziosa del cuore che sarà utilizzata nel giorno della beatificazione”.

CHI ERA CARLO ACUTIS

Figlio primogenito di Andrea Acutis e Antonia Salzano, Carlo nacque a Londra il 3 maggio 1991. Lì i genitori si trovavano per lavoro e in seguito tornarono in Italia. Il giovane trascorse l’infanzia a Milano, “imparando da subito ad amare il Signore, tanto da essere ammesso alla Prima Comunione ad appena sette anni”, si legge su di lui. La parrocchia di Santa Maria Segreta a Milano era il suo luogo prediletto, allievo delle Suore Marcelline alle elementari e alle medie, poi dei padri Gesuiti al liceo. Come raccontano tutti, visse una vita all’insegna “dell’amicizia con Gesù e l’amore filiale alla Vergine Maria, ma fu anche attento ai problemi delle persone che gli stavano accanto, anche usando da esperto, seppur autodidatta, le nuove tecnologie”. Carlo era infatti un appassionato di computer.

Fu una violenta forma di leucemia fulminante a portarselo via in poco tempo. Nonostante la sua giovane età visse la malattia come prova da offrire per il Papa e per la Chiesa. Morì il 12 ottobre 2006, nell’ospedale San Gerardo di Monza, a quindici anni. Il 13 maggio 2013 la Santa Sede ha concesso il nulla osta per l’avvio della sua causa di beatificazione. Il 5 luglio 2018 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto che dichiarava Venerabile Carlo, i cui resti mortali riposano dal 6 aprile 2019 ad Assisi, nella chiesa di Santa Maria Maggiore – Santuario della Spogliazione.

“Essere sempre unito a Gesù, ecco il mio programma di vita“, diceva sempre Carlo. Da autodidatta e leggendo in autonomia dei libri sull’argomento, aveva imparato da solo a usare il linguaggio di programmazione dei computer, e a realizzare siti web. Quando si ammalò disse che per lui, in quel momento, “iniziava la vera vita, nell’incontro con l’amato. Gli stessi medici erano sbalorditi dal suo coraggio, ma lui temeva soltanto il Purgatorio“, racconta la madre.

Nel corso dell’omelia della messa di inaugurazione del percorso che porterà alla beatificazione, monsignor Sorrentino ha sottolineato l’importanza dell’esempio offerto da Carlo: “Ha avuto una missione specialmente per i suoi coetanei di questo tempo così entusiasmante e, insieme, così disorientato. Un tempo dove si sperimentano cose meravigliose attraverso una tecnologia che unisce il mondo da un capo all’altro, ma che tante volte si fa tumulto di informazioni e messaggi contraddittori, nei quali è così difficile ritrovare la bussola della verità e dell’amore“. E chissà se un giorno, Carlo, non diventi il Santo Patrono del web e dei suoi fruitori, portando luce in un mondo, quello social, così confuso e pieno di fake news.

E’ in corso la beatificazione di Carlo Acutis: la diretta della cerimonia ad Assisi [VIDEO]