Clima – Resoconto dell’estate 2020: piovosa, calda, siccitosa. Ecco tutti i dati dall’archivio NOAA

Autunno oramai in cattedra, con l'avvento di ottobre. Ecco un riscontro, invece, dell'andamento di tutta l'estate, con analisi mese per mese. I dettagli

MeteoWeb

La stagione autunnale è oramai entrata nel vivo con l’avvento di ottobre, ma di fatto sta facendo autunno da circa 10 giorni, ossia dall’ultima decade di settembre, quando la circolazione generale a scala euro-atlantica ha imboccato decisamente la strada del semestre piovoso. Ci lasciamo alle spalle, quindi, una stagione estiva a due facce, secondo i riscontri sui dati NOAA. La prima parte di stagione, Giugno-Luglio, è trascorsa sostanzialmente in media termica o anche con 1/2 gradi in meno sui settori Alpini e prealpini centro-orientali.  Relativamente alle precipitazioni, giugno e luglio sono stati più instabili della norma, con piogge sopra la norma al Centro-Nord, in maniera più pronunciata sul Medio Alto Tirreno e settore di Nord Ovest, in particolare tra il Centro Sud Piemonte, la Liguria e la Toscana. 

Un po’ di piogge oltre la norma anche sul basso Tirreno, tra la Calabria e la Sicilia Orientale, localmente anche sui settori ionici settentrionali, tra il Salento e il Crotonese, precipitazioni nella norma altrove.  Termicamente, l’avvio dell’estate è stato nella media stagionale in via generale, un po’ sotto media su Alpi e Prealpi centro orientali, localmente sul Centro Sud Appennino.  Il mese di agosto è trascorso con pioggia sopra la media sulle aree centro-settentrionali, nella norma o sotto la norma al Centro Sud, in maniera più evidente tra la Puglia, la Lucania, la Campania e i settori ionici settentrionali. Termicamente, un agosto con valori sopra la media un po’ ovunque, in maniera più apprezzabile al Nordest, specie Alpi, Prealpi, alto Veneto e Friuli VG, e sulle isole maggiori.

Circa settembre, le prime due decadi, quindi 3/4 di mese, sono trascorsi con tempo decisamente siccitoso sulle aree centro meridionali e sulle isole maggiori, siccità più esasperata tra Marche,  Abruzzo, medio Adriatico e un po’ diffusamente sui settori centro-meridionali peninsulari.  Piogge un po’ più nella norma, sebbene con quantitativi importanti in un ridotto numeri di eventi, al Nord in generale, anche su Alta Toscana, Nord Appennino, leggermente sopra la norma al Nord Ovest, tra la Liguria, il Piemonte e la Lombardia centro occidentale. Sotto l’aspetto termico, le temperature sono state sopra la norma di 1/2 gradi un po’ ovunque.  Nell’ultima decade di settembre, invece, è intervenuta una circolazione dichiaratamente più autunnale e instabile, con precipitazioni sopra la norma un po’ su tutto il paese, ma in maniera più importante sulle aree centro-meridionali peninsulari. 

Anche tecnicamente, gli ultimi 10 giorni di settembre hanno visto un calo generale delle temperature che si sono poste intorno alla media su gran parte dei settori centro-meridionali, esclusi il Sud della Calabria e la Sicilia, qui ancora con temperature un po’ sopra la norma. Calo, invece, più significativo sulle regioni settentrionali e dell’Alto Tirreno,   con valori qui anche fino a 2/4 gradi sotto la norma.  Nel complesso, abbiamo avuto una stagione estiva 2020 piuttosto piovosa al Centro Nord, con precipitazioni decisamente sopra la norma; pioggia sopra la norma nella prima parte stagionale anche al Centro Sud, poi seconda parte stagionale dichiaratamente più siccitoso sulle aree centro-meridionali, salvo fenomeni temporanei anche di forte intensità, ma troppo localizzati e limitati nel tempo. Sotto l’aspetto atermico, considerati i divari tra la prima parte di stagione e la seconda, l’estate si è conclusa con un andamento medio termico leggermente sopra la norma di 1/2 gradi in linea generale, come prospettato nell’immagine termica in evidenza.