Mascherine, gel igienizzante e disinfettanti: tutto il necessario per convivere col coronavirus, limitarne la diffusione ed evitare un nuovo lockdown

Cosa non deve mancare a casa, in macchina o in borsa in questa seconda ondata di contagi di coronavirus: ecco cosa portare sempre con sè

MeteoWeb

L’emergenza coronavirus torna a preoccupare il mondo intero, in particolar modo l’Europa, che vive adesso una seconda ondata che sta facendo allarmare tutta la popolazione.  In alcuni paesi è scattato il lockdown, ma il governo italiano ha spiegato di voler evitare a tutti i costi una nuova chiusura, chiedendo l’auto del popolo, invitato a rispettare le regole per limitare la diffusione del virus.

Indossare le mascherine, lavarsi spesso le mani, rispettare le distanze: queste sono le principali  indicazioni da seguire. Per convivere col virus e provare a limitarne la diffusione, sono tanti i prodotti che ognuno di noi può e deve utilizzare quotidianamente.

Primo tra tutti, la mascherina! Rinfreschiamoci dunque la memoria e riguardiamo insieme le differenze tra le mascherine.

Le mascherine chirurgiche: quelle usate dai medici per intenderci, sono monouso e sono costituite dalla sovrapposizione di strati in tessuto non tessuto. Questo tipo di mascherine blocca le goccioline di secrezioni respiratorie emesse dalle persone malate che la indossano, evitando così che contagino le persone che gli stanno attorno, ma non protegge chi le indossa da aerosol fini che potrebbero contenere virus.

Le mascherine filtranti, invece sono dei dispositivi che proteggono le vie respiratorie, proteggendo, quindi, sia chi le indossa che chi gli sta attorno. Servono per proteggere chi le indossa da batteri e virus e sono suddivise in diverse categorie:

Le KN95 FFP2 che filtrano più del 95% delle particelle con diametro di 2,5 micron

Le FFFP3, che filtrano più del 98% delle particele con diametro di 2,5 micron

Le KN95, FFP2 e FFP3 con valvola di espirazione, simili alle precedenti ma con valvola di espirazione, utile per un maggiore comfort per chi è costretto ad indossare a lungo la mascherina. Evita la formazione di umidità e condensa grazie alla fuoriuscita dell’aria calda.

Le mascherine si differenziano tra NR non riutilizzabili ed R, riutilizzabili. Queste ultime, per poter essere utilizzate nuovamente necessitano però di una buona pulizia. E’ consigliato infatti usare dell’alcool a 70° nebulizzato.

Ma non finisce qui: esistono anche altri tipi di mascherine:

mascherine di stoffa, fatte in casa o comprate: lavabili e riutilizzabili. Indossando questo tipo di mascherine è consigliato comunque mantenere sempre la distanza. La loro pulizia, inoltre, è importantissima.

schermi facciali/visiere: su questo tipo di mascherine i pareri sono contrastanti. Sicuramente estesticamente sono le più ‘belle’, ma non sono tanto efficaci quanto belle. Le goccioline di secrezioni, infatti, possono fuoriuscire facilmente ed ‘entrare’ in maniera altrettanto facile, proteggendo poco, quindi, sia chi le indossa che chi lo circonda.

Chiuso il capitolo mascherine, è fondamentale una buona igiene. Ecco quindi che spopolano gli igienizzanti per le mani: non sempre è possibile recarsi in un bagno per lavarsi le mani con acqua e sapone, per questo motivo è bene avere sempre con sè i gel igienizzanti per una buona pulizia delle mani, uno dei principali mezzi di trasmissione del virus.

C’è chi preferisce usare i guanti: i pareri a riguardo sono contrastanti, ma sono sempre più numerosi gli esperti che sconsigliano l’uso dei guanti.

Sono tanti ancora i prodotti che non devono mancare in borsa, in macchina e a casa. C’è chi, troppo spaventato da quanto sta accadendo nel mondo, vuole portare con sè anche il termometro, per avere sempre sotto controllo la temperatura: con l’arrivo del coronavirus spopolano quelli ad infrarossi poichè velocissimi e igienici (non vanno a contatto con nessuna parte del corpo)


sono però i classici termometri, digitali e non, i più affidabili.

Per mantenere una buona igiene anche in casa, i prodotti più diffusi e utili per limitare la diffusione di batteri e virus e disinfettare tutte le superfici sono alcool e amuchina, immancabili nei nostri sgabuzzini.