Corea del Nord: “Attenti alla polvere gialla dalla Cina, trasporta il Coronavirus”

La Corea del Nord ha avvertito i cittadini: la "polvere gialla" proveniente dalla Cina potrebbe trasportare il Coronavirus

MeteoWeb

La Corea del Nord ha avvertito i suoi cittadini di restare a casa per i timori che la “polvere gialla” proveniente dalla Cina possa trasportare il Coronavirus: lo riportano i media internazionali, tra cui la BBC
Mercoledì la tv statale Kctv, durante un servizio sulla situazione meteo, ha preannunciato l’arrivo della polvere gialla per il giorno successivo, legandolo al rischio Coronavirus, annunciando il divieto nazionale per i lavori di costruzione e per le attività all’aperto.

La polvere gialla non era altro che sabbia dei deserti mongoli e cinesi, spinta dal vento che soffia sulla penisola coreana in alcuni periodi dell’anno e che spesso si mescola all’inquinamento, determinando problemi alla salute.

Pur non essendoci alcun collegamento provato scientificamente tra polvere stagionale e Coronavirus, ieri il Rodong Sinmun, la voce del Partito dei Lavoratori, ha sottolineato che “tutti i lavoratori devono riconoscere chiaramente il pericolo di una invasione di virus dannosi” con l’arrivo della nube di polvere.

Pur dichiaratosi COVID-free, il Paese è in allerta da gennaio ed ha imposto misure come la chiusura dei confini e le restrizioni ai movimenti, anche del personale diplomatico straniero di base a Pyongyang.

Le ambasciate hanno ricevuto allerte, così come le missioni diplomatiche e le organizzazioni internazionali nel Paese, sulla tempesta di sabbia, chiedendo agli stranieri di rimanere a casa e di chiudere ermeticamente le finestre.

Oggi la polvere si è progressivamente diradata, e la situazione è prevista in miglioramento nei prossimi giorni.