Coronavirus, Bertolaso: “Seconda ondata? Lo sapevano anche i sassi, manderei in lockdown chi ci ha messo in questa situazione”

“Nessuno si è preoccupato della prevenzione”, afferma Bertolaso, che stronca l'iniziativa dei banchi con le rotelle: “Merita l'oscar per la sciocchezza”

MeteoWeb

Che ci sarebbe stata una seconda ondata di epidemia di coronavirus lo sapevano anche i sassi. Lo sapeva anche la mia nipotina, lo sapevano tutti. Questo è molto grave e francamente mi irrita parecchio”. Lo ha detto Guido Bertolaso, ospite di Tagadà su La7. Della prevenzione nessuno si è preoccupato, è questo che rimprovero soprattutto alle istituzioni. Non hanno saputo fare nessuna iniziativa di prevenzione e previsione”, ha aggiunto. Secondo Bertolaso è stato “sbagliato il tana liberi tutti estivo. Le istituzioni dovevano continuare a lavorare e a pianificare. Manderei in lockdown chi ci ha messo in questa situazione. Ci deve andare chi, invece di acquistare i letti di rianimazione il 18 maggio quando uscì il decreto legge, ha fatto il bando di concorso il 2 ottobre scorso. Ci deve andare chi non si è occupato di prevedere i trasporti per gli studenti sapendo dell’inizio dell’anno scolastico. Ci deve andare chi non ha saputo comprare i tamponi e organizzare un sistema di indagine a tappeto su tutti i cittadini. Ci deve andare chi ha coniato l’app Immuni che sappiamo perfettamente che non funziona. Mi pare che vi siano pesanti responsabilità”.

Parlando della scuola, Bertolaso ha evidenziato: “i banchi con le rotelle sono una delle sciocchezze commesse questa estate, forse merita l’oscar per la sciocchezza“. In un paese come il nostro, ha continuato, “dove il 70% delle scuole insiste in territori a rischio sismico, dove il 65% delle scuole non ha il certificato di agibilità e purtroppo succede pure che qualche nostro figlio o nipote ci lascia la pelle perché cade un infisso, ecco, in un Paese del genere noi ci permettiamo di inventare i banchi a rotelle”.