Coronavirus, esperto: “I vaccini arriveranno in primavera ma non potranno salvare tutti”

Coronavirus e vaccini, Guido Forni: "Arriveranno entro primavera, saranno sicuri, forse efficaci, in una seconda fase di più, ma in ogni caso non potranno salvare tutti"

MeteoWeb

Si stanno trovando nuove terapie che rendono meno drammatico ammalarsi, ma solo i vaccini cambieranno la prospettiva“: lo ha spiegato in un’intervista a La Stampa Guido Forni, accademico dei Lincei e già professore ordinario di Immunologia all’Università di Torino con un passato da ricercatore a Bethesda negli Stati Uniti e a Londra.
Arriveranno entro primavera, saranno sicuri, forse efficaci, in una seconda fase di più, ma in ogni caso non potranno salvare tutti“. Secondo l’esperto, i più promettenti sono “gli undici in fase finale, di cui molti se non tutti verranno registrati entro gennaio. Quattro cinesi e uno russo, facendo forza sulla mancanza di democrazia, sono già stati somministrati a un gran numero di persone“. “Funzioneranno, ma non si sa quanto” perché “un vaccino può impedire di ammalarsi, diminuire l’effetto della malattia e addirittura bloccare il contagio” ma “secondo i dati disponibili, i primi vaccini difetterebbero di questa ultima caratteristica“.
Il vaccino non è un farmaco bensì uno stimolo al sistema immunitario, che funziona meglio su persone sane e giovani. I primi in arrivo saranno sicuri per tutti, ma meno efficaci su bambini e anziani. Serve il lusso del tempo per elaborare vaccini universali“.
L’esperto assicura: “Verranno distribuiti entro primavera. Il governo ha prenotato diversi vaccini e molto dipenderà da come questi accordi verranno onorati“.