Coronavirus, Galli: “La situazione non è come marzo-aprile, ma è allarmante”

"Non siamo nella situazione di marzo o aprile, e mi auguro che non ci torneremo, ma per non tornarci bisogna prendere atto di una situazione su cui bisogna intervenire"

MeteoWeb

“La situazione non è quella di marzo, né quella di aprile, ma è allarmante“. Lo sottolinea Massimo Galli, primario di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, ospite di ‘Timeline‘ su Sky Tg24, parlando dell’aumento dei contagi di Covid-19 e dei ricoveri in Italia. “Posso essere condizionato – ammette – dal lavorare in un luogo che è la prima retrovia dell’epidemia, dove i malati arrivano prima e sono più gravi. Ma l’ultima settimana è indicativa di qualcosa che non va come vorremmo, e ancor di più gli ultimi giorni“. “Ripeto, non siamo nella situazione di marzo o aprile, e mi auguro che non ci torneremo, ma per non tornarci bisogna prendere atto di una situazione su cui bisogna intervenire”, rimarca.