Coronavirus, nuovo Dpcm: il governo non intende prevedere chiusure anticipate di bar, ristoranti e locali

Il Dpcm a cui lavora il premier Giuseppe Conte non dovrebbe introdurre orari ridotti per bar, ristoranti e locali, secondo fonti di governo

MeteoWeb

A quanto apprende l’Adnkronos da autorevoli fonti di governo, l’esecutivo non ha intenzione di prevedere chiusure anticipate di bar, ristoranti e locali, introducendo di fatto un coprifuoco. Il Dpcm a cui lavora il premier Giuseppe Conte non dovrebbe dunque introdurre orari ridotti. Ieri sera della possibilità di anticipare le chiusure di bar e ristoranti si era ragionato nel corso della riunione a Palazzo Chigi tra Conte e i capidelegazione di maggioranza, ma nessuna decisione definitiva era stata presa. Nessuna novità sugli orari, viene ora assicurato, dovrebbe essere introdotto nel nuovo Dpcm, lasciando a locali, bar e ristoranti la possibilità di chiudere in base alle singole esigenze.