Coronavirus e nuovo DPCM, Sileri: “Non credo che saremo in grado di abbassare troppo questi numeri”

Sileri ha confermato le proprie perplessità sulla chiusura di bar e ristoranti alle 18

MeteoWeb

Con le restrizioni previste nel nuovo DPCMnon credo che saremo in grado di abbassare troppo questi numeri” del contagio,  “semmai potremo rallentarne la salita” e, non appena accadrà, la speranza è “che si possa ritornare a una situazione di normalità“: è quanto ha affermato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite di Agorà su Rai 3.
Sileri ha confermato le proprie perplessità sulla chiusura di bar e ristoranti alle 18: “E’ una misura su cui non sono pienamente d’accordo anche se poi la decisione viene presa in base ai dati, guidata da un Comitato tecnico scientifico“. “Magari, con i dati in loro possesso“, gli esperti del Cts hanno “spinto in quella direzione per addolcire la salita della curva” epidemica. “Ma io immagino che, una volta che” questa curva sarà “non dico appiattita né diminuita” – perché “non credo che saremo in grado di abbassare troppo questi numeri” – bensì rallentata, “si possa ritornare a una situazione di normalità“.