Coronavirus, Renzi sul Dpcm: “non si mette becco nelle case degli italiani, altrimenti è dittatura. Se chiudiamo le scuole siamo un Paese finito”

Coronavirus, le parole di Matteo Renzi sull'ultimo Dpcm del premier Conte

MeteoWeb

Non si mette il becco nelle case degli italiani, se no si arriva allo Stato di polizia. La delazione è la follia“. Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a Fuori dal coro su Rete 4. “Non e’ accettabile che si chiudano le scuole. Un Paese che chiude le scuole e’ un paese finito. Bisogna fare i tamponi. Non possiamo permetterci il lockdown o la gente muore di fame“, ha aggiunto Renzi.

Stiamo affrontando una emergenza mondiale pazzesca, è pensabile che entro Natale arrivi il primo vaccino fatto da ricercatori italiani, e quindi l’Italia sta cercando di stringere i denti con dei numeri migliori della Francia, dell’Inghilterra e della Spagna. Bisogna prendere i soldi del Mes. La situazione è molto seria, bisogna stare attenti ma ci sono 500 persone in terapia intensiva, erano 4 mila a marzo“, ha detto ancora l’ex premier.