Coronavirus, è guerra Ronaldo-Spadafora: il Ministro durissimo contro CR7, “è arrogante e bugiardo”

Coronavirus, durissimo botta e risposta tra Cristiano Ronaldo e il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora

MeteoWeb

Attraverso una diretta Instagram, Cristiano Ronaldo risponde ai migliaia di followers che gli chiedono aggiornamenti sulle sue condizioni di salute: “Sto bene, sono asintomatico – ha detto il portoghese della Juventus – e vi ringrazio per i tanti messaggi di supporto. Spero di tornare presto ad allenarmi e a giocare“. “Sono in quarantena e voglio chiarire che non ho violato alcun protocollo. Abbiamo fatto tutto secondo le regole, sia io che la mia squadra, con tutte le autorizzazioni del caso. A un signore dall’Italia che dice che non ho rispettato il protocollo voglio dire che l’ho rispettato e sempre lo rispetterò“, ha aggiunto CR7. “Sono rientrato dal Portogallo perche’ io e la mia squadra ci siamo assicurati di rispettare tutte le procedure – continua il giocatore della Juve – e sono tornato in Italia in aereoambulanza, non ho avuto contatti con nessuno neanche a Torino. Ora come sta trascorrendo la quarantena? “La mia famiglia è su un altro piano della casa, non possiamo avere contatti. Sono sempre in casa, ora sto prendendo il sole, anche per far passare la giornata“.

La notorietà e la bravura di certi calciatori non li autorizza ad essere arroganti, irrispettosi verso le istituzioni e a mentire: anzi, piu’ si e’ noti piu’ si dovrebbe avvertire la responsabilita’ di pensare prima di parlare e di dare il buon esempio“. Al telefono con l’ANSA, il ministro dello sport Vincenzo Spadafora è durissimo con Cristiano Ronaldo. “Non ho intenzione di proseguire all’infinito su questo tema – aggiunge Spadafora -: confermo quanto detto ieri relativamente all’abbandono dell’hotel di alcuni giocatori della Juventus, basandomi tra l’altro sulle comunicazioni della societa’ alla Asl di Torino. Non interverro’ piu’ sul tema e rinnovo gli auguri di pronta guarigione a tutti i positivi“.