Coronavirus, stretta nelle grandi città: in arrivo ordinanza anti-movida a Roma, divieto di stazionamento nelle piazze a Firenze

Diverse città hanno già imposto misure volte a limitare la movida e il pericolo di assembramenti, tra queste c'è Firenze, presto anche Roma

MeteoWeb

Con la seconda ondata di coronavirus che ruggisce in Italia e in tutto l’emisfero settentrionale, le grandi città italiane stanno correndo ai ripari per limitare il più possibile la diffusione del contagio. Diverse città hanno già imposto misure volte a limitare la movida e il pericolo di assembramenti.

Tra queste ci sarà anche Roma, non appena il sindaco Virginia Raggi firmerà una nuova ordinanza nelle prossime ore. La bozza prevede che Campo de’Fiori, piazza Trilussa a Trastevere, piazza Madonna de’ Monti, via del Pigneto e via Pesaro siano off-limits al pubblico nei weekend, precisamente venerdi’ e sabato dalle 21 alle 24. Si tratta di una delle misure anti-Covid indicate dal comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si e’ riunito in questi giorni in Prefettura. Il provvedimento sara’ in vigore fino al 13 novembre 2020, fatta salva la possibilita’ di successiva reiterazione. Sara’ consentito l’accesso e il deflusso agli esercizi commerciali aperti e alle abitazioni private. Eventuali violazioni del divieto saranno punite con una multa che andra’ dai 400 ai 1000 euro.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha firmato l’ordinanza che introduce le misure stabilite ieri durante il Cosp: sara’ in vigore da domani fino al 13 novembre. Come riporta una nota di Palazzo Vecchio sono state individuate due aree di “massimo rispetto ai fini del contenimento del rischio di contagio: l’area comprendente piazza Sant’Ambrogio, borgo La Croce nel tratto fino a via della Mattonaia, via Pietrapiana, piszza dei Ciompi e quella comprendente piazza Strozzi, via Strozzi, via Sassetti, via Pellicceria, piazza della Repubblica”. In queste aree “e’ disposta, nei giorni di venerdi’ e sabato dalle ore 19.00 alle ore 2.00 del giorno successivo, una limitazione dell’accesso che comporta il divieto di stazionamento nell’area per le persone“. La possibilita’ di attraversamento dell’area sara’ “solo per accedere agli esercizi commerciali legittimamente aperti ed alle abitazioni private compresi nell’area e per il deflusso dall’area“. Per chi viola l’ordinanza sono previste sanzioni da 400 euro in su. L’ordinanza ricorda anche le altre misure per il contenimento del contagio e in particolare il ‘numero chiuso’ a Santo Spirito.