Covid, Bonaccini: “Dobbiamo tenerci pronti a restrizioni mirate per evitare il lockdown generalizzato”

Chiudere i confini delle Regioni? "Io mi auguro di no", ha dichiarato Bonaccini

MeteoWeb

Dobbiamo stare molto attenti, il virus sta crescendo, in tutta Europa, dove va peggio che da noi. Bisognera’ vedere tra qualche giorno se la mascherina all’aperto e l’ultimo Dpcm porteranno risultati. E essere assolutamente pronti a prendere misure restrittive mirate, perche’ un nuovo lockdown generalizzato non se lo puo’ permettere nessuno”. Cosi’ il presidente dell’Emilia-Romagna e della Regioni, Stefano Bonaccini, a Tg2 Post. “Bisogna contenerne la crescita, dividendo le cose indispensabili, come scuola e lavoro, dalle altre, valutando giorno per giorno con il governo”, ha aggiunto.

In Emilia-Romagna oggi si fanno “quasi 20mila tamponi al giorno, migliaia test sierologici”. E da lunedi’ “facciamo nelle farmacie migliaia di test gratis agli studenti e lo abbiamo esteso ai loro famigliari conviventi. Poi arriveranno in 10-15 giorni due milioni di tamponi rapidi”, grazie a una gara fatta col Veneto, precisa Bonaccini.

Chiudere i confini delle Regioni?Io mi auguro di no”, ha risposto il governatore. Un lockdown generalizzato, ha detto, significherebbe “passare alla pandemia economica sociale”. “Occorre evitare di dare sempre la colpa a qualcun altro“, chiede il presidente della conferenza delle Regioni e dell’Emilia-Romagna, che ha ricordato di aver detto che nel precedente Dpcm le Regioni avevano avuto dal Governo poco tempo per valutare, “mentre nell’ultimo ci hanno coinvolto e abbiamo lavorato 24 ore insieme. Siamo tutti sulla stessa barca, ognuno si prenda le proprie responsabilità”. Quello che serve, per Bonaccini, e’ evitare di dire un giorno ‘chiudiamo un tutto’, e il giorno dopo dire il contrario. “Anche da parte della politica vorrei un po’ piu’ di responsabilita’, di misura. Bisogna elaborare insieme, non l’uno contro l’altro“, ha aggiunto.