Il Giro d’Italia parte da Rivolto, per la prima volta in una base dell’Aeronautica Militare: lo spettacolo delle Frecce Tricolori [FOTO]

Il Giro d'Italia alla base dell'Aeronautica Militare di Rivolto: lo spettacolo delle Frecce Tricolori

  • Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
    Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
  • Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
    Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
  • Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
    Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
  • Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
    Foto: sito ufficiale Giro d'Italia
/
MeteoWeb

Il Col. Marco Bertoli, Comandante del 2° Stormo, affiancato dal Capo della polizia Franco Gabrielli, ha sventolato la bandierina arancione e i ciclisti del Giro d’Italia sono partiti sulla pista di decollo utilizzata dalle Frecce tricolori, per la 15ª  tappa, la RivoltoPiancavallo, la prima in assoluto mai partita da una base dell’Aeronautica militare. La partenza e’ stata anticipata da tre passaggi delle Frecce con i fumogeni tricolori, che con figure acrobatiche hanno salutato la manifestazione. “Un sodalizio che ci inorgoglisce, il Giro d’Italia e’ una parte del Paese, il suo significato va al di la’ della manifestazione“. Lo ha detto il capo della Polizia, Franco Gabrielli.

Poco prima della odierna partenza della 15.ma tappa del Giro d’Italia, dalla Base Aerea di Rivolto (UD), sono stati premiati due poliziotti della Stradale in servizio presso il Distaccamento Polizia Stradale di Spilimbergo (PN), che si sono particolarmente distinti in occasione di un delicato intervento di servizio. Una cerimonia in occasione della IX edizione del Premio “Eroi della Sicurezza”, manifestazione organizzata dalla Polizia di Stato e da Autostrade per l’Italia S.p.A. I due poliziotti, durante l’ordinaria attività di vigilanza stradale, apprendevano via radio della presenza di un’autovettura che marciava contromano in Autostrada. Resisi conto della estrema pericolosità della situazione venutasi a creare, facevano rallentare la velocità del traffico alle loro spalle operando come una vera e propria “safety car” e, una volta incrociato il veicolo contromano sulla corsia di sorpasso, riuscivano tempestivamente a bloccarlo. Successivamente, mentre un operatore fermava completamente il traffico per qualche minuto, il capopattuglia tranquillizzava la donna alla guida del veicolo che versava in stato confusionale poiché impaurita per il pericolo corso. “Nell’occasione i due operatori davano prova di grande coraggio, notevole sangue freddo ed altissima professionalità“, è la motivazione del premio.

Le Frecce Tricolori, orgoglio italiano

Il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico, meglio conosciuto con il nome di Frecce Tricolori, è un Reparto dell’Aeronautica Militare, che ha il compito di rappresentare i valori, le professionalità e la capacità di fare squadra di un’intera Forza Armata. Con la proprià attività, la Pattuglia Acrobatica Nazionale è di fatto portatrice dei valori e delle competenze che sono proprie in generale delle Forze Armate. Nelle manifestazioni aeree, con il volo acrobatico collettivo, le Frecce Tricolori dimostrano la professionalità di piloti e specialisti sottolineando le specifiche peculiarità tecniche di un velivolo tutto italiano. Il Gruppo è composto da circa 100 militari; Ufficiali, Sottufficiali e Graduati dell’ ”Arma Azzurra”. La formazione di 10 velivoli (9 più il solista) è composta da Ufficiali Piloti della Forza Armata che provengono dai Reparti Operativi di Volo dell’Aeronautica Militare che, a seguito di selezione, entrano a far parte delle Frecce Tricolori e qui trascorrono una parentesi della loro carriera operativa per poi far rientro ai Reparti Operativi al termine dell’esperienza.