I ghiacciai si sciolgono e il passato riemerge: orso dell’era glaciale trovato ben conservato nell’Artico russo [FOTO]

Mammut, rinoceronti lanosi, puledri, diversi cuccioli di leone e ora un orso ben conservato: il permafrost che si scioglie ci restituisce pezzi di passato

/
MeteoWeb

I resti perfettamente conservati di un orso dell’era glaciale sono stati portati alla luce da pastori di renne nell’Artico russo. L’orso è riemerso dopo lo scioglimento del permafrost sulle isole Lyakhovsky, nella Russia nord-orientale. Con i denti e il naso intatti, si pensa che l’orso sia una specie di orso bruno vissuta da 22.000 a 39.500 anni fa. L’esemplare verrà ora preso in esame presso la North-Eastern Federal University (NEFU) nella città di Yakutsk. Gli scienziati dell’università, noti per le ricerche sui mammut lanosi e su altre specie preistoriche, hanno dichiarato che la scoperta non ha precedenti.
La dottoressa Lena Grigorieva, ricercatrice di paleontologia all’università, ha precisato che l’orso è stato “il primo e unico ritrovamento del suo genere” ad essere recuperato in un unico pezzo con “tessuto molle“. “È completamente conservato, con tutti gli organi interni al loro posto, compreso il naso”, ha precisato la ricercatrice. “In precedenza, sono stati trovati solo teschi e ossa. Questo ritrovamento è di grande importanza per il mondo intero.

La dottoressa Grigorieva ha inoltre riferito alla BBC il fatto che l’animale possa essere un antico parente dell’orso bruno, ovvero una grande specie che si trova oggi in Eurasia e nel Nord America. Altri scienziati russi saranno ora invitati a partecipare allo studio. “È necessario effettuare analisi al radiocarbonio per determinare l’età precisa dell’orso“, ha affermato lo studioso Maxim Cheprasov, del laboratorio del Mammoth Museum.

La carcassa dell’orso è stata trovata da pastori di renne sull’isola di Bolshoy Lyakhovsky, la più grande delle isole Lyakhovsky, che fanno parte dell’arcipelago delle Nuove Isole Siberiane che si trova tra il mare di Laptev e il Mar della Siberia orientale. Separatamente, la carcassa conservata di un cucciolo d’orso è stata trovata nella regione dell’estremo oriente russo della Yakutia, nota anche come Repubblica di Sakha.

Gli ultimi anni hanno visto importanti scoperte di mammut, rinoceronti lanosi, puledri, diversi cuccioli, anche di leone delle caverne, mentre il permafrost si scioglie in vaste aree nella regione russa della Siberia. L’anno scorso, un cucciolo di 18.000 anni è stato trovato perfettamente conservato con denti e pelo nel permafrost della Siberia. (Sfoglia la gallery in alto a corredo dell’articolo).