Previsioni Meteo, forte maltempo e più freddo nei primi giorni della prossima settimana: attesi fino a 200 mm di pioggia

Previsioni Meteo: saccatura perturbata nordatlantica verso il Mediterraneo centro occidentale e forte peggioramento su molte regioni, ma ci saranno anche aree meno interessate. Ecco tutti i dettagli

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Il tempo tenderà a peggiorare in maniera progressiva nel corso del fine settimana e poi ancor più per inizio settimana prossima, a causa di una sempre più influente azione oceanica umida e instabile verso il bacino centrale del Mediterraneo e verso l’Italia. Dopo i primi fronti di queste ore e ancora del fine settimana, è attesa la frase più perturbata dell’azione atlantica che dovrebbe compiersi tra lunedì 26 e mercoledì 28 ottobre. Si tratterebbe, secondo l’ultimo riscontro modellistico, dell’azione di una ennesima e più importante saccatura nord-atlantica che, dal Mare del Nord, Regno Unito, affonderebbe con taglio piuttosto infiltrante, verso il Mediterraneo centro-occidentale per poi evolvere, a mo’  di pendolo, verso i settori centrali del bacino. In seno alla saccatura, si muoverebbe anche un vortice depressionario che, tra martedì 27 e mercoledì 28 ottobre, agirebbe tra le due isole maggiori per poi evolvere verso la Grecia e l’Est Mediterraneo.

Maltempo, quindi, in nuova accentuazione da lunedì 26 e fino a mercoledì 28, all’insegna di rovesci e temporali che, via via, diverrebbero diffusi e spesso forti su molti settori. Come visibile dalla mappa fenomeni associata, e relativa appunto al periodo di riferimento, sono attesi piogge e temporali un po’ su tutta la penisola, da Nord a Sud, ma la direttrice delle correnti portanti, che sarebbe  mediamente occidentale e poi anche meridionale, nonché il posizionamento dei nuclei di vorticità alle quote medie, renderebbero più esposti a  nubi e fenomeni, soprattutto le regioni settentrionali e poi quelle tirreniche in genere.  Su queste aree, sarebbero presenti i rovesci e i temporali più diffusi e più insistenti, salvo qualche pausa fisiologica tra un fronte e l’altro. Entro mercoledì 28, gli accumuli più significativi sono previsti su alto Piemonte e su alta Lombardia, fino a circa 200 mm;  accumuli importanti anche sulla Liguria centrale e di Levante, fino a 150 mm e 100/150 mm anche sul Centro Nord Friuli Venezia Giulia. Rovesci e temporali a tratti forti sulla Toscana centrale, in particolare verso il Grossetano centrale, area Ortobello, settori insulari relativi, anche qui con accumuli intorno ai 100-120 mm. Altre precipitazioni moderate o forti, soprattutto nella seconda parte del periodo di riferimento, sul basso Tirreno, tra la Calabria tirrenica, la Sicilia, localmente anche la Campania costiera e meridionale. Possibili accumuli ricorrenti sui 30/40/60 mm, fino a 70/100 mm tra le province di Reggio Calabria e di Messina. Sul resto dell’Italia, soprattutto sulle aree centro-meridionali adriatiche e sul resto delle isole maggiori, il tempo è previsto comunque  abbastanza instabile, tuttavia in forma più irregolare e più debole con precipitazioni più frammentate e accumuli decisamente più esigui, magari anche con diverse fasi caratterizzate da tempo asciutto e con schiarite. Sotto l’aspetto delle temperature, esse sono previste in generale calo da Nord a  Sud, probabilmente calo più significativo verso fine periodo, ossia per mercoledì 28 ottobre. 

 La redazione di MeteoWeb seguirà costantemente  l’ennesimo peggioramento del tempo atteso per l’inizio della prossima settimana apportando quotidiani aggiornamenti. 

Per monitorare la situazione meteo in atto, ecco le migliori pagine del nowcasting: