Previsioni Meteo Ottobre, Italia spaccata in due: grandi piogge al Nord, siccità al Sud

Previsioni Meteo: diverse novità dagli ultimissimi aggiornamento sul lungo termine, con conferma di azioni instabili, ma anche di fasi anticicloniche e possibile andamento del tempo a due facce sull'Italia. Ecco i dettagli

MeteoWeb

Previsioni Meteo Ottobre – Eccoci ad un ennesimo aggiornamento sul lungo periodo, sulla base di dati freschi appena aggiornati e provenienti dal centro di calcolo europeo di Reading. Torniamo a riferirci, in questa sede, al possibile andamento del tempo del corso di tutto il mese di ottobre.  Abbiamo già dato orientamenti di massima,  in termini di circolazione prevalente, nelle precedenti analisi,  ipotizzando su base modellistica una circolazione che mediamente potrebbe avere una componente oceanica o comunque occidentale, mischiata a qualche contributo subtropicale  più stabilizzante.  Si conferma questo trend di massima anche alla luce degli ultimi aggiornamenti. La barica prevalente per il corso di ottobre potrebbe essere quella rappresentata in evidenza, con un fulcro depressionario abbastanza stabile in prossimità dello stretto della Manica e una circolazione umida atlantica che dovrebbe riguardare per diverse fasi l’Europa centro-occidentale.

Relativamente al Mediterraneo centrale e all’Italia,  il tipo barico ipotizzato comporterebbe una più ricorrente influenza del flusso atlantico instabile verso le nostre regioni settentrionali e, per alcune fasi, anche del medio-alto Tirreno. Tuttavia,  l’azione umida e instabile oceanica risulterebbe meno incisiva verso le regioni del medio-basso Adriatico e meridionali in genere, dove le occasioni per piogge e temporali, pur presenti, risulterebbero decisamente più ridotte. Abbiamo elaborato anche un prospetto circa l’anomalia precipitazioni attesa per l’intero mese appena avviato. Da esso traspare chiaro  come le aree italiane a maggior rischio piogge nel corso di ottobre, sarebbero quelle settentrionali e dell’alto Tirreno, in primis la Liguria, l’alto Piemonte, l’alta Lombardia, i settori alpini e prealpini centro-orientali e anche l’alta Toscana.  Su queste aree le piogge si annunciano decisamente sopra la media stagionale. Per diverse fasi, i fronti atlantici si porterebbero anche verso il resto del Centro, sul resto della Toscana, sul Lazio, sull’Umbria, sull’Ovest/Nordovest Sardegna, sulle aree interne appenniniche e sulle medie e alte pianure del Nord, con piogge tutto sommato nella media su questi settori. Di tanto in tanto, addensamenti e locali precipitazioni anche sulla Campania e verso il medio Adriatico, Est e Sud Sardegna, ma qui in forma più irregolare e con apporti pluviometrici complessivi comunque inferiori alla media stagionale. Come visibile dalla mappa allegata, sulle aree del basso Adriatico, sul resto del Sud peninsulare e sulla Sicilia, il mese di ottobre potrebbe mostrarsi decisamente più siccitoso rispetto alla media, magari con solo qualche giornata all’insegna di una maggiore instabilità. Termicamente si avrebbe un mese più caldo della norma al Centro Sud, mediamente con 1/2°C in più tra il Centro Sud Toscana, il Lazio e il Nord Campania, 2/3°C in più verso il resto del Sud e la Sicilia. Temperature nelle medie al Nord e sulla Liguria, alta Toscana; temporaneamente, specie nella prima parte del mese, anche valori un po’ sotto la media al Nordovest. La  redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare la tendenza nel medio-lungo periodo, apportando periodici aggiornamenti.