Calabria, Eugenio Gaudio rinuncia all’incarico di commissario alla Sanità: “Motivi personali”

Gaudio, nominato solo ieri dal Governo, ha spiegato di aver rinunciato all’incarico perché "motivi personali e familiari me lo impediscono"

MeteoWeb

Non c’è pace per la Calabria e la sua sanità. L’ex rettore dell’Universita’ ‘La Sapienza’, Eugenio Gaudio, nominato ieri dal Cdm come Commissario per la sanita’ Calabrese, ha rinunciato all’incarico. E’ quanto si apprende da fonti parlamentari.

A Repubblica, lo stesso Gaudio ha spiegato di aver rinunciato all’incarico perché “motivi personali e familiari me lo impediscono”. “Mia moglie non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare. Sarebbe una sfida importante, ma la famiglia per me è un valore“.

Alla domanda sul suo coinvolgimento nell’inchiesta sull’Università di Catania, ha risposto: “Sono sempre colpito dall’imbarbarimento della politica. Le do una notizia in proposito: il procuratore di Catania ha appena fatto sapere al mio avvocato che è andato a depositare la richiesta di archiviazione per il mio presunto abuso di ufficio“.