Coronavirus: Alto Adige zona rossa, si va verso il lockdown duro

L'Alto Adige presto potrebbe applicare il lockdown duro: la questione sarà analizzata domani dalla giunta provinciale

MeteoWeb

L’Alto Adige, da oggi zona rossa, presto potrebbe applicare il lockdown duro: la questione sarà analizzata domani dalla giunta provinciale.

Non abbiamo alternative, altrimenti collassa l’intero sistema sanitario,” ha dichiarato all’ANSA l’assessore alla sanità Thomas Widmann. “I danni collaterali sarebbero devastanti, se gli ospedali non dovessero più  garantire chemioterapie e interventi chirurgici“. “Siamo oltre il tempo massimo, i campanelli d’allarme non possono più essere ignorati“.

Ordinanza in vigore: tutti i Comuni sono zona rossa

È entrata in vigore in tutti i Comuni dell’Alto Adige la nuova ordinanza numero 68 firmata ieri sera dal presidente della Provincia, Arno Kompatscher.
La crescita dei contagi su tutto il territorio aveva portato alla creazione di un numero eccessivo di Comuni-Cluster dove erano in vigore regole particolarmente stringenti. Non aveva più senso aggiungere quotidianamente nuovi paesi e città, ci sembra più ragionevole avere un provvedimento unico, valido per tutto l’Alto Adige. Crediamo che in questo modo vi possa essere maggiore chiarezza fra la popolazione sulle regole da seguire,” ha spiegato il presidente della Provincia, che si dice consapevole del fatto che sia “necessario un intervento immediato con misure rigide ed incisive. Non possiamo permetterci di attendere ancora, dobbiamo salvaguardare l’integrità del nostro sistema sanitario, che è sempre più sotto pressione con numeri che già superano di gran lunga quelli della scorsa primavera. Si tratta di una decisione che agli occhi di molti potrà sembrare impopolare, ma dobbiamo agire con responsabilità nell’interesse di tutta la collettività”.