Coronavirus, in Francia i negozi riaprono dopo un mese di lockdown

I commercianti dovranno rispettare un nuovo protocollo sanitario rafforzato. Fra le nuove regole, la diminuzione del numero di clienti che possono essere presenti nello stesso momento

MeteoWeb

Hanno riaperto questa mattina in Francia i negozi “non essenziali”, chiusi da un mese per il secondo lockdown dell’anno. In prima linea, con preparativi cominciati da due giorni, i negozi di abbigliamento con le offerte per Natale e per il Black Friday (rinviato di una settimana, al 4 dicembre), le librerie e i negozi di giocattoli in vista dei regali. Grande fermento gia’ dalle prime ore per i grandi magazzini come Printemps e Lafayette, i grandi negozi di dischi, libri ed elettronica, come Fnac, e i giganti dell’arredamento come Ikea.

I commercianti dovranno rispettare un nuovo protocollo sanitario rafforzato. Fra le nuove regole, la diminuzione del numero di clienti che possono essere presenti nella superficie di vendita nello stesso momento: invece di un cliente ogni 4 metri quadrati, sara’ possibile ospitare nei negozi un cliente per ogni 8 metri quadrati, senza ovviamente contare il personale presente all’interno. Il governo ha precisato che “un genitore con bambini conta per una persona”. Per facilitare il flusso e renderlo meno intenso, i negozi potranno rimanere aperti fino alle 21, deroghe saranno annunciate nelle prossime ore per l’apertura domenicale, anche per facilitare il recupero del fatturato andato in fumo con il lockdown di novembre.