Coronavirus, Lopalco: “Questo incubo ce lo lasceremo alle spalle in primavera-estate, strategia stop and go per convivere con il virus “

"Si apre e si richiude per qualche mese finché in primavera-estate, un po' per dinamiche naturali, un po' perché dovremmo avere il vaccino, speriamo di lasciarci alle spalle questo brutto incubo"

MeteoWeb

La convivenza col virus si puo’ fare soltanto con misure che possiamo definire di stop and go: bisogna fermarsi, far raffreddare la curva, aspettare che gli ospedali entrino in equilibrio, che si svuotino, che non ci sia sovraccarico e magari si puo’ riaprire un’altra volta“. Lo ha detto l’epidemiologo e assessore alla Sanita’ della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco nel corso di una diretta streaming con un network di informazione locale.

Se i cittadini sono consapevoli di questa modalita’, possiamo andare avanti cosi’: si apre e si richiude per qualche mese finche’ in primaveraestate, un po’ per dinamiche naturali, un po’ perche’ dovremmo avere il vaccino, speriamo di lasciarci alle spalle questo brutto incubo“, ha aggiunto evidenziando che “per i mesi invernali sara’ necessario avere pazienza e andare avanti con la strategia dello stop and go”.

Pier Luigi Lopalco“Se tutti insieme, in maniera pacata e tranquilla, accettiamo questa strategia dello stop and go secondo me sara’ piu’ facile fare delle chiusure brevi, pesanti che includono anche la scuola tutta in didattica a distanza e poi, ai primi segnali di recupero si puo’ riprendere e far andare nuovamente i ragazzi a scuola“, ha continuato l’esperto, sottolineando che “la differenza tra zona rossa e arancione cambia poco per la frequenza scolastica”. “Noi siamo intervenuti sulla scuola convinti che le restrizioni, cosi’ facendo possano durare di meno. Se noi vediamo un raffreddamento della curva, se noi vediamo calare i contagi con queste chiusure selettive, si potra’ tranquillamente riattivare – ha concluso – anche la scuola in presenza“.