Coronavirus, Ricciardi: “Su lockdown totale si decide tra 2-3 settimane ma possiamo evitarlo. Vaccino obbligatorio? Io sono contrario”

“Se le nuove misure saranno rispettate potremo evitare il lockdown totale, altrimenti tutte le regioni diventeranno rosse”, ha detto Ricciardi

MeteoWeb

Abbiamo attivato una serie di misure proporzionate alla circolazione del virus nelle specifiche aree d’Italia. Se queste vengono rispettate, saremo in grado di evitarlo. Se non ci dovessimo riuscire, tutte le regioni diventerebbero rosse e di fatto il lockdown generalizzato si realizzerebbe nei fatti”. A dirlo Walter Ricciardi, docente di Igiene all’Università Cattolica di Roma e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, che domani parlerà della salute del pianeta nell’ultima giornata del Festival della Salute globale, manifestazione in corso in modalità online a cui parteciperà insieme a Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs.

Abbiamo 2-3 settimane di tempo per valutare cosa avverrà prossimamente: si potrebbe anche decidere di allentare queste misure, o di chiudere ulteriormente”, ha aggiunto Ricciardi. “C’è ancora la possibilità di evitare un lockdown generalizzato ha ribadito – Ma rimangono validi questi due principi: agire sulla base di dati oggettivi, quei 4-5 indicatori che possono essere comprensibili e monitorati tutti i giorni; le regole vengano rispettate, in tutte le regioni“.

vaccino coronavirusPersonalmente sono contrario a rendere obbligatorio il vaccino negli adulti, personale sanitario a parte. Anche nel caso del Covid. E non mi preoccupano i No-Vax: si tratta di una minoranza molto rumorosa, ma che non compromette il raggiungimento dell’immunità di gregge. Se questo vaccino sarà obbligatorio o meno, dipenderà da una scelta politica. In questo momento – ha spiegato Ricciardi – sappiamo che il vaccino ha una buona risposta nella popolazione adulta, ma non in quella anziana. Questo sarà già un buon risultato, ma comunque non sufficiente. L’ottimale sarebbe un vaccino che copra tutte le fasce d’età. E quando l’avremo, ci metteremo tutto l’anno per tutte le vaccinazioni. Per i primi mesi del 2021 dovremmo avere almeno 2 vaccini, forse anche 3 o 4. Questo è un dato già importante, perché significa che avremmo più aziende che possono produrlo e maggiore capacità per la diffusione. Bisognerà anche capire se la loro immunità sia duratura o transitoria”.