Coronavirus, Ricciardi “Pandemia evento epocale che serve per scossa, in Italia impoverimento senza precedenti”

"Non vi nascondo che ho molta preoccupazione per il 2021. Cosa succederà se l'Italia non riuscirà ad accedere ai fondi europei o se questi ritardano?"

MeteoWeb

Negli ultimi 12 anni il mondo e’ cambiato in modo drammatico. La pandemia e’ un evento epocale che ci deve dare una scossa. Il servizio sanitario nazionale corre il rischio di naufragare; avevamo cercato di far capire che la situazione e’ cambiata drasticamente. Un italiano su due ha una situazione di carattere cronico e avevamo avvisato i politici di investire nella sanita’, ma la spesa sanitaria italiana e’ calata costantemente negli anni“. Cosi’ Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute per l’emergenza Covid-19, al 37° congresso SIMG, la societa’ italiana di medicina generale e delle cure primarie.

Il 2020, con la seconda ondata, superera’ il ’43; ci si aspetta che si discuta del fatto che siamo in una guerra e invece si parla di settimana bianca e impianti sciistici. In Italia c’e’ un impoverimento senza precedenti e questa crisi ci rendera’ finanziariamente dipendenti dall’Europa; una quantita’ di soldi importante ce li daranno i Paesi che sono stati piu’ saggi di noi. Penso a una rivoluzione pacifica rafforzando la sanita’ con i fondi europei e che consentirebbero di cambiare radicalmente il servizio sanitario nazionale”, ha proseguito Ricciardi.

La medicina generale italiana deve capire che e’ importantissimo avere cura del paziente, ma questo oggi significa avere capacita’ organizzativa e tecnologie moderne. Se non rivoluzioneremo ci saranno vari scenari con la sanita’ che rimarra’ cosi’ com’e’ oppure con il medico che diventera’ una professione lasciata a iniziative di singoli. Quello che auspico e’ che si troveranno nuovi equilibri tra Stato e Regioni con il medico di base con un meccanismo di governance importante”.

Le vere sfide da superare sono culturali – ha sottolineato Ricciardi -. Non vi nascondo che ho molta preoccupazione per il 2021. Cosa succedera’ se l’Italia non riuscira’ ad accedere ai fondi europei o se questi ritardano, cosa succedera’ se non riusciremo a spenderli? Il futuro non e’ qualcosa che ci attende passivamente, e’ un ponte verso il futuro che dobbiamo costruire e per fare questo c’e’ bisogno di coraggio. Bisogna focalizzarsi su obiettivi strategici, essere flessibili e fare un passo alla volta ma velocemente. Diamoci una mossa”, ha concluso.