L’Abruzzo completa il suo piano Covid: completata l’attivazione di tutte le terapie intensive

L'Abruzzo ha completato l'attivazione dei 66 posti letto di terapia intensiva previsti dal piano di riordino della rete ospedaliera Covid-19 ed è andato anche oltre: ne sono stati allestiti nove in più

MeteoWeb

Nel corso degli ultimi giorni l’Abruzzo ha completato l’attivazione dei 66 posti letto di terapia intensiva previsti dal piano di riordino della rete ospedaliera Covid-19 ed è andato anche oltre: ne sono stati allestiti nove in più, per un totale di 75 unità. Considerando i 94 esistenti gia’ prima dell’emergenza, i posti letto di rianimazione a disposizione delle quattro Asl ora sono complessivamente 169. Al momento e’ occupato il 42% delle unita’: 71 i pazienti Covid-19 ricoverati in terapia intensiva. Il dato e’ calcolato senza considerare i 29 posti letto presenti tra l’Ematologia di Pescara e le cliniche private convenzionate, pure a disposizione in caso di assoluta emergenza. Gli attualmente positivi al virus, 218 in piu’ nelle ultime ore, in Abruzzo sono complessivamente 16.349: in ospedale ci sono 743 pazienti (+7 rispetto a ieri), cioe’ il 4,54% del totale delle persone al momento malate.

Dopo il picco di sabato 21 novembre, 749 ricoveri – numero di gran lunga superiore rispetto al record registrato nel giorno peggiore della fase primaverile – i pazienti ospedalizzati fanno registrare un calo, seppur lieve. Del totale delle persone in ospedale, 672 pazienti (+8 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 71 (-1) in terapia intensiva. Anche il numero dei soggetti in rianimazione e’ in lieve calo: venerdi’ erano 75, dato vicinissimo al record di 76 registrato lo scorso 3 aprile. Il dato sulle terapie intensiva a novembre e’ comunque raddoppiato: nel primo giorno del mese erano 32 i pazienti in rianimazione. Tutti gli altri attualmente positivi al virus, 15.606 persone (+211 rispetto a ieri), cioe’ il 95,46% dei soggetti al momento malati, sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.