Meteo, le previsioni dell’Aeronautica Militare: domani piogge e locali temporali, deciso peggioramento da venerdì 20 novembre

Torna il maltempo più esteso sull’Italia in attesa di un peggioramento più deciso dal 20 novembre: il bollettino dell'Aeronautica Militare

MeteoWeb

Torna il maltempo più esteso sull’Italia, con piogge e locali temporali previsti domani al Centro-Nord e sulle regioni tirreniche, in attesa di un peggioramento più deciso a partire dal 20 novembre. Le previsioni del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare per domani e i prossimi 5 giorni.

Domani, lunedì 16 novembre

Nord: estesa copertura nuvolosa con piogge e locali rovesci in attenuazione dal mattino su regioni occidentali e Lombardia dove si avranno le prime schiarite. Dal pomeriggio deciso miglioramento anche sul restanti regioni del settentrione, eccezion fatta per le aree appenniniche emiliano-romagnole. Nevicate sull’arco alpino oltre i 1800-2000 metri. Formazioni di foschie dense e banchi di nebbia al primo mattino in pianura.

Centro e Sardegna: moderato maltempo con precipitazioni anche temporalesche sulle regioni del versante tirrenico, sull’Umbria e sulle Marche, in assorbimento a fine giornata su Sardegna e Toscana e con parziali schiarite.

Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso sulle regioni tirreniche con piogge e locali temporali inizialmente sulla Campania e in successiva estensione a Basilicata e Calabria tirreniche e alla Sicilia centrosettentrionale. Nuvolosità in graduale aumento anche sul resto del meridione con deboli fenomeni fino a sera su Molise e Puglia centrosettentrionale.

Temperature minime in rialzo su aree alpine e prealpine, appennino emiliano-romagnolo, Sardegna, Toscana, Marche, rilievi abruzzesi e Molise, stabili altrove. Massime in aumento su Nord-Ovest, rilievi lombardi, Trentino-Alto Adige, coste orientali della Sardegna e litorale centro meridionale adriatico. In diminuzione su Emilia-Romagna, pianure venete e friulane, restante territorio sardo, alto Lazio, Campania, Basilicata e Calabria tirreniche e stazionarie sul resto del paese. Venti moderati di maestrale sulla Sardegna, deboli settentrionali sulle zone alpine e Liguria e meridionali al Centro-Sud. Mari: molto mosso il mar di Sardegna, con moto ondoso in ulteriore intensificazione dalla serata. Da mossi a localmente molto mossi il canale di Sardegna ed il Tirreno centrale. Da mossi a poco mossi stretto di Sicilia, Adriatico e Ionio, generalmente mossi i rimanenti bacini.

Le previsioni per i prossimi giorni

Martedì 17 novembre, al Nord: condizioni di bel tempo con transito di innocue velature; al primo mattino e dopo il tramonto formazione di foschie dense e banchi di nebbia sulle aree pianeggianti lungo il corso del Po. Centro e Sardegna: molte nubi compatte su Marche e Abruzzo con residue deboli piogge e rovesci in assorbimento nelle ore serali; ampio soleggiamento sul resto del Centro seppur interrotto da annuvolamenti diffusi che interesseranno nelle ore diurne le aree costiere orientali dell’isola, l’Umbria e l’Appennino laziale. Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso o coperto con deboli precipitazioni su Molise, Campania e Basilicata, in graduale esaurimento nel pomeriggio con schiarite serali lungo il settore tirrenico campano; persistono condizioni di moderato maltempo sul restante meridione con fenomeni temporaleschi, anche di forte intensità, attesi su basso Salento, Calabria e Sicilia.

Temperature: minime in diminuzione su Liguria, aree pianeggianti e pedemontane del nord, regioni centrali Sardegna compresa, e sul Molise; in tenue rialzo su Puglia, Basilicata ionica, Calabria e Sicilia meridionale; senza variazioni di rilievo sul resto del Paese. Massime in calo su Piemonte, Lombardia occidentale, Appennino emiliano-romagnolo, Sardegna, Toscana, alto Lazio e Sicilia orientale, più deciso sulle regioni centromeridionali adriatiche, Campania, Basilicata e Calabria; in lieve aumento su Triveneto ed Emilia-Romagna; stazionarie altrove. Venti: dai quadranti settentrionali. Deboli al nord con residui rinforzi al mattino su Liguria e sulle relative aree costiere adriatiche; moderati al centro-sud e fino a forti su Sardegna orientale, bassa Toscana, Umbria, alto Lazio, rilievi abruzzesi, Molise, Appennino meridionale, Calabria ionica, nonché sulle coste occidentali e meridionali della Sicilia. Mari: molto mossi il mar e canale di Sardegna, Tirreno occidentale, stretto di Sicilia ed Adriatico centrale; da poco mossi a mossi il mar Ligure e l’alto Adriatico; tutti mossi i restanti bacini.

Mercoledì 18 novembre: condizioni di cielo molto nuvoloso o coperto sulle regioni ioniche peninsulari e sulla Sicilia orientale con frequenti precipitazioni convettive associate, in riduzione dal pomeriggio sui settori pugliese e lucano. Ancora nebbie estese al primo mattino e dopo il tramonto sulle pianure settentrionali ed annuvolamenti bassi sulle regioni centromeridionali adriatiche, nell’entroterra campano e sul restante territorio siciliano; bel tempo sul restante territorio.

Giovedì 19 novembre: ancora molte nubi su regioni centrali adriatiche, Molise, Appennino campano e settore ionico con fenomeni convettivi attesi sulla Calabria orientale e su gran parte della Sicilia; nebbie diffuse sulle pianure settentrionali e cielo generalmente sereno o poco nuvoloso altrove ma con copertura in intensificazione serale sui rilievi confinali della catena alpina e sulla Sardegna occidentale.

Venerdì 20 e sabato 21 novembre. Venerdì: graduale ma deciso peggioramento su tutto il Paese con associate precipitazioni da sparse a diffuse dapprima su Lombardia e Trentino Alto Adige, in successiva estensione anche a Veneto, regioni centrali e Sicilia centroccidentale; miglioramento atteso dalla sera al nord-ovest. Nella giornata di sabato ampio soleggiamento al nord, mentre il maltempo interesserà il Centro-Sud, attenuandosi però dal pomeriggio sulle regioni centrali tirreniche.